Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dal sub creduto disperso al fumo in imbarcazione: Guardia Costiera in azione

Tigullio. Due interventi oggi per la guardia costiera di Santa Margherita Ligure, fortunatamente entrambi andati a buon fine.

La prima segnalazione, in mattinata, intorno alle ore 11.30, all’Ufficio Locale Marittimo di Riva Trigoso riguardava un subacqueo probabilmente disperso nella zona di Punta Baffe.
Immediatamente è stata inviata la Motovedetta CP883 con a bordo due medici del CISOM che, come in tutti i weekend della stagione balneare, in forza della convenzione stipulata con la superiore Direziona Marittima della Liguria, sono a bordo dei mezzi navali del Corpo.

La Capitaneria ricorda l’importanza di effettuare l’attività di pesca subacquea con la
boa di segnalazione e di assicurarsi di lasciare sempre notizia ad un parente o amico sulle zone di mare nelle quali l’immersione avverrà, nonché sulla relativa durata.

Fortunatamente, dopo pochi minuti, l’emergenza è rientrata: il sub, in realtà affiancato da un compagno di immersione, è stato avvistato e recuperato in salute nella zona prospiciente l’area di Punta Beffe, a circa 1 km di distanza dalla boa di segnalazione, che aveva precedentemente perso senza accorgersene.

Nel primo pomeriggio tramite il numero unico per le emergenze in mare, il numero blu 1530, un’altra segnalazione: questa volta c’era un una imbarcazione di circa 15 metri, al traverso di Lavagna produceva un’insolita emissione di fumo scuro durante la navigazione.

Il gommone GC352 giunto sul posto non riscontrava problemi all’imbarcazione ma ha provveduto comunque ad accompagnarla fino al l’ormeggio all’interno nel porto di Lavagna.