Quantcast
Trasporto pubblico

Trenitalia risponde alle polemiche, in Liguria puntualità al 89%

Secondo i dati raccolti dall'azienda, in Liguria il servizio è in miglioramento rispetto al 2016

treni

Nel 2017 la puntualità dei treni è in crescita, mentre scende il numero dei treni cancellati. Questo i numeri divulgati da Trenitalia, dati che descrivono un primo semestre con maggiore efficienza e gradimento del servizio da parte dell’utenza. Una sorta di risposta alle polemiche dei giorni scorsi rilanciate dalle associazioni di utenti, che su particolari tratte, soprattutto quelle dei pendolari, la situazione sarebbe tutt’altro che rosea.

Secondo quanto diffuso dall’azienda, la puntualità reale (arrivo entro i 5 minuti dall’orario previsto) si assesta all’89% e l’indice di regolarità (corse effettuate rispetto alle programmate) sul 99%. Indici che, considerando le sole cancellazioni (0,5%) e ritardi (2,1%) imputabili direttamente a Trenitalia salgono al 99,5% come regolarità e 97,9% di puntualità.

Di conseguenza migliora anche il giudizio dei clienti: a maggio l’83,4% si è dichiarato soddisfatto del viaggio nel suo complesso. Risulta decisamente sopra la media generale l’arrivo in orario dei treni in circolazione nelle ore di punta del mattino: nella fascia 6-10 è il 92,8% dei convogli ad arrivare puntuale, percentuale in leggera flessione rispetto allo scorso anno ma per cause non imputabili a Trenitalia, che vede invece pressoché inalterati i ritardi di sua diretta responsabilità.

Il bilancio del primo semestre 2017 si chiude per Trenitalia regionale Liguria con un trend costante rispetto ai livelli degli indici medi liguri del 2016. La puntualità reale aumenta dell’1,2%, la regolarità del servizio cresce del 26,7%.
 
Risulta decisamente sopra la media generale l’arrivo in orario dei treni in circolazione nelle ore di punta del mattino: nella fascia 6-10 è il 92,8% dei convogli ad arrivare puntuale, percentuale in leggera flessione rispetto allo scorso anno ma per cause non imputabili a Trenitalia, che vede invece pressoché inalterati i ritardi di sua diretta responsabilità.
 
La Liguria rimane tra le regioni, con il miglior trend di performance sia per quanto riguarda la puntualità che la regolarità.
 
Secondo quanto evidenziato dalla stessa Trenitalia, una indagine demoscopica, condotta a maggio in Liguria da una società esterna al Gruppo FS, ha evidenziato un miglioramento nel giudizio che i clienti danno del servizio e dei vari momenti che lo compongono con un aumento del 2,1% vs maggio 2016.
 
Rispetto a maggio 2016 molti i fattori che hanno registrato un miglioramento significativo: coincidenze con altri treni +40,2% (75% vs 34,8%) tempo di viaggio +6,5% (80,5% vs 87%), facilità di acquisto biglietti e abbonamenti +7,2% (97,2% vs 90%), disponibilità dei posti +4,8% (90,8% vs 86,0%).