L'intervista

Sedicenne muore dopo aver ingerito ecstasy, il direttore del pronto soccorso Cremonesi: “Vietato abbassare la guardia”

Il medico: "Non esistono droghe leggere, tutte potenziamente possono uccidere"

Genova. “Non esistono droghe leggere e il taglio delle sostanze, così come il loro mescolarle con alcool o la stessa reazione del nostro organismo possono portare alla morte”. E’ deciso l’appello del direttore del pronto soccorso dell’ospedale Galliera Paolo Cremonesi dopo la morte questa notte nel nosocomio di Carignano della sedicenne che aveva ingerito una pastiglia di estasy.

“La ragazzina purtroppo – racconta – è arrivata al pronto soccorso in coma profondo e a nulla solo valsi i tentativi di rianimarla che sono andati avanti per quasi un’ora”.

“Si è abbassata un po’ la guardia in questo periodo quando invece i casi si moltiplicano. Solo tre settimane fa è arrivata una ragazzina in coma dopo un rave che si era svolto a Oregina, ma in quel caso siamo riusciti a salvarla. L’appello è alla famiglie e alle scuole che facciamo informazione e prevenzione sulla pericolosità di qualunque sostanza”

leggi anche
Il comune di Pietra Ligure premia Sebastiano Gravina, capocannoniere del campionato di calcio dedicato ai non vedenti
Tragico 'sballo'
Morta a 16 anni dopo aver preso dell’ecstasy: il fidanzato di Adele e l’amico in carcere sotto ‘choc’
adele de vincenzi
L'ordinanza
Restano in carcere il fidanzato e l’amico di Adele. Il gip: “Uno dei due inizialmente ha mentito, possono inquinare le prove”
Il comune di Pietra Ligure premia Sebastiano Gravina, capocannoniere del campionato di calcio dedicato ai non vedenti
Le indagini
Gli sms e le chiamate del fidanzato di Adele recuperati sul cellulare del pusher. Oggi i funerali
Il comune di Pietra Ligure premia Sebastiano Gravina, capocannoniere del campionato di calcio dedicato ai non vedenti
Incidente probatorio
Morta a 16 anni per ecstasy, sentita la minorenne amica di Adele. Gli avvocati dei ragazzi chiedono scarcerazione