Quantcast
Volano stracci?

Sanità, maggioranza spaccata su nomine. Matteo Rosso (FdI): “Stufi della calata lombarda”

Fratelli d'Italia si mette di traverso: "Avevamo chiesto tempo per trovare nome condiviso, ma così non è stato"

Matteo Rosso

Genova. In commissione arriva lo stop alla nomina del nuovo del rappresentate regionale in seno al Consiglio di indirizzo e verifica dell’Irccs (Azienda ospedaliera universitaria) San Martino-Ist Istituto nazionale per la ricerca sul Cancro, Marzio Maccarini.

A decretare la battuta d’arresto, il voto “convintamente contrario” del consigliere regionale di Fratelli d’Italia e presidente della Commissione Sanità Matteo Rosso, che ha quindi provocato la bocciatura del parere, visto che ai suoi voti si sono sommati quelli del Pd e del resto della minoranza. È finita pertanto 17 a 14.

“Al di là del curriculum di altissimo livello, penso sia più opportuno, nell’interesse dei pazienti liguri, scegliere persone competenti che ben conoscono il territorio e le problematiche della nostra sanità, anziché cercare fuori regione professionalità, seppur di indiscutibile valore”.

Questo il commento di Rosso, che aggiunge: “Già in precedenza avevamo fatto presente la nostra contrarietà per questa nomina, proponendo di posticipare il voto per trovare un nome condiviso, ma così non è stato. Siamo stufi della “calata lombarda” per la sanità Ligure”.

Non si fanno attendere le dichiarazioni politiche: “Premesso che per noi Rosso ha fatto benissimo a opporsi a questa nomina, che dimostra ancora una volta la disistima da parte di Toti e co. nei confronti delle competenze liguri – dichiarano Raffaella Paita e Valter Ferrando (Pd) – c’è da dire che la tanto decantata unità della maggioranza di centrodestra è evidentemente una foglia di fico, prontamente caduta dopo le elezioni amministrative di giugno. Ne vedremo delle belle”.