Quantcast
Mercato blucerchiato

Sampdoria, “Vendi, guadagna e pentiti”

L’aforisma borsistico vale anche per la campagna acquisti della Sampdoria?

Gianluca Caprari

Genova. “Vendi, guadagna e pentiti”… Chissà se l’aforisma borsistico vale anche per la campagna acquisti della Sampdoria? Ai posteri, l’ardua sentenza… noi tifosi “chiniam la fronte al massimo fattor”…

Battute scherzose a parte, a tutt’oggi, la parola “plusvalenza” sembra farla da padrone negli obiettivi strategici della dirigenza blucerchiata…

Il primo a salpare le ancore, per dare ossigeno al bilancio, è stato Patrik Schick, grande intuizione, dello scorso anno, degli scout blucerchiati… ma qui la difesa d’ufficio è d’obbligo e l’assoluzione è praticamente assicurata dalla presenza della clausola rescissoria e dal “gruzzolo” incassato…

Era difficile dire no, anche all’offerta dello Sporting Lisbona per Bruno Fernandes, la cui presenza nell’undici di partenza del prossimo campionato non era forse ritenuta una “conditio sine qua non” da mister Giampaolo, vista l’alternanza di utilizzo, nel ruolo di trequartista, fra il portoghese, Alvarez e talvolta Praet…

Quanto all’uscita di Cigarini, niente plusvalenza, ma un alleggerimento notevole del conto economico alla voce “monte ingaggi”… peraltro compensato dall’esborso al Cagliari del conguaglio per l’acquisizione di Nicola Murru

Ecco, parliamo di movimenti in entrata…

Saprà il giovane sardo coprire finalmente il buco sulla fascia sinistra, orfana di “mancini” all’altezza del ruolo, dai tempi di Hans-Peter Briegel? Gli auspici sono favorevoli, anche se ultimamente bisogna riconoscere come la stella di Murru non sia più in auge, come tre/quattro anni fa, quando sembrava di essere in presenza di un astro nascente.

E’ un ragionamento che vale in parte anche per l’altro acquisto, Gianluca Caprari, legato, a quanto pare dalle notizie stampa, all’operazione Skriniar (altra notevole plusvalenza)…

Nel Pescara “zemaniano” di quattro/cinque anni fa, il giovane romanista duettava con Ciro Immobile e Lorenzo Insigne e i vari talent scout profetizzavano per il trio una carriera non dissimile…

Di certo – se non andiamo errati – la valutazione attuale lo fa salire al primo posto nella classifica dei giocatori acquistati, negli anni, dalla Sampdoria… ma si sa che la svalutazione la fa da padrone…

A Genova, troverà il compagno pescarese Valerio Verre (sempre scuola romanista) e Leonardo Capezzi (giovanili Fiorentina, irrobustitosi a Crotone), ingaggiati lo scorso anno e lasciati a maturare nelle squadre di provenienza, mentre sarà mister Giampaolo a decidere se concedere ad Alessandro Martinelli e Federico Bonazzoli l’opportunità di far vedere le proprie doti durante il ritiro estivo.

I tifosi blucerchiati si augurano che i neo acquisti possano trovare in ritiro (ma anche a inizio campionato) soprattutto Lucas Sebastian Torreira, pilastro imprescindibile dell’ossatura Samp… una sua eventuale partenza sarebbe una perdita dal valore inestimabile… quindi accantoniamo l’idea, sperando facciano altrettanto i dirigenti blucerchiati.

Non si sa, se troveranno Vasco Regini, che potrebbe essere riciclato come “centrale” da Giampaolo, in attesa di un adeguato sostituto di Milan Skriniar (forse Jorge Meré dallo Sportin Gijon? ma sulle sue tracce sembra ci sia anche il Barcellona…), figuriamoci se si può sapere oggi se troveranno uno fra Josip Iličič e Wesley Benjamin Sneijder... tanta manna dal cielo (a livello di classe, in primis nel caso di uno degli eroi del “triplete” interista, ad onta della non più tenera età).

Personalmente, penso che non sarebbe male averne due così, alle spalle di Fabio Quagliarella…

Non oso scrivere alle spalle di Muriel, perché temo che il futuro del colombiano possa essere vissuto lontano da Genova (Siviglia, oppure Everton?), in omaggio a “sua maestà” plusvalenza…

L’obiettivo Kownacki, del resto, sembra essere tramontato (Borussia Dortmund ?), mentre Budimir oscilla fra Crotone e Parma e l’avventura di Andrés Ponce al Lugano non è stata ricca di fausti presagi, al punto che è in dubbio l’opportunità di concedergli una chance in sede di ritiro precampionato….

“Cogito, ergo sum”… dunque una punta, da alternare a Quagliarella, ci vuole… come pure un difensore, con la “D” maiuscola, da affiancare a Silvestre (non più Ogbonna, che ha appena rinnovato col West Ham, mentre molto gradita sarebbe l’opzione Chiriches, ma anche Tonelli non sarebbe male).

Poi, pur senza esagerare con le pretese, serve un portiere, almeno fino a quando Viviano non darà certezze di aver superato i problemi fisici, che lo hanno fermato ai box…

Servirebbe altro, ma ci fermiamo qui… certi del fatto che gli introiti, rivenienti dalle cessioni, consentirebbero altri cospicui investimenti… per cui confidiamo, come tutti i supporter della Samp, nella fantasia della dirigenza blucerchiata e nella ragnatela degli scout di Riccardo Pecini, nella speranza che sappiano ripetere gli exploit acquisitivi dell’anno scorso e che Giampaolo ne cloni l’amalgama…

“Sursum corda”, la campagna acquisti è appena iniziata, tanto è vero che è notizia dell’ultima ora, l’ufficialità del tesseramento di Cristian Hadziosmanovic, diciannovenne centrocampista di origini montenegrine, svincolatosi dal Milan, oltre a quelli del croato Ivan Vujcic (classe ’99, dall’Hajduk Spalato) e dello sloveno Nik Prelec (del 2001, prelevato dall’ NK Aluminij Kidriveco).