Quantcast
Mercato blucerchiato

Sampdoria, ecco la lista dei convocati a Ponte di Legno

A Verona, sponda Hellas, si ricompone la coppia Cassano-Pazzini, che nel 2009/10 ha portato il Doria al quarto porto e ai preliminari Champions

Sampdoria Vs Chievo Serie A

Genova. La stagione 2016/17 della Samp è ufficialmente iniziata con la partenza dei convocati, per il ritiro di Ponte di Legno, in Alta Valle Camonica…

Sul pullman sociale mancava solo Karol Linetty (in vacanza fino al 15 luglio).

Ecco la lista dei 27, arricchita da 5 “Primavera” (Krapikas, Leverbe, Tomic, Baumgartner, Balde) e dalle “new entry” Murru, Caprari, Capezzi e Verre:

Portieri: Krapikas, Puggioni, Tozzo, Viviano.

Difensori: Bereszynski, Dodô, Leverbe, Murru, Pavlovic,Regini, Sala, Silvestre, Simic, Tomic.

Centrocampisti: Alvarez, Barreto, Baumgartner, Capezzi, Djuricic, Linetty, Praet, Torreira, Verre.

Attaccanti: Balde, Bonazzoli, Caprari, Quagliarella.

Da notare che non fanno parte del gruppo, presumibilmente per scelta tecnica, il venezuelano Andrés Ponce, lo slovacco David Ivan e l’ex Ternana, Antonio Palumbo. E mancano anche Alessandro Martinelli, Alessandro De Vitis, Francesco Fedato, Gabriele Rolando, Stanley Amuzie e Michele Rocca, evidentemente “sul mercato”.

Si tratta di una rosa orfana, rispetto all’anno scorso, di Budimir e Cigarini, ma soprattutto di “top player” (quanto meno a livello Samp), come Muriel, Schick, Skriniar e Fernandes…

E’ chiaro che la tifoseria blucerchiata si aspetta rinforzi importanti, non tanto per alimentare i sogni, ma per “vivere” una stagione tranquilla…

Poi, sappiamo tutti che sognare costa poco, anzi niente…

Vietto o Luan sarebbero perfetti per completare il parco attaccanti, in aggiunta a Kownacki, che domani dovrebbe sostenere le visite…

Ma… c’è sempre un ma nella vita…

Servirebbe un esborso economico importante per assicurarsi uno dei due giocatori, entrambi dal profilo tecnico idoneo a completare l’attacco… veloci e abili con la palla al piede.

E allora il rischio è che si opti per una scelta più “casereccia”… tipo Manuel Pucciarelli, con la scusa che è stato in passato allenato dal mister blucerchiato…

Radio mercato parla anche di Diego Falcinelli, ma le caratteristiche dell’ex Crotone sembrano molto simili a quelle del polacco Kownacki... molto meglio, eventualmente, la soluzione Eder, voglioso di tornare a fare il titolare, per meritarsi un posto in Nazionale ai Mondiali in Russia…

Risparmiare per risparmiare, allora, sarebbe più efficace far tornare a casa (in prestito) Schick, dalla Juventus… ma con quale voglia il ceco ripercorrerebbe a ritroso l’autostrada Torino-Genova?

Se prestito deve essere, meglio un Gabigol, dall’Inter, che non avrebbe l’ansia del figliol prodigo”, al momento di scendere in campo a Marassi.

Mentre l’idea Andrea Favilli dovrebbe, a nostro avviso, essere presa in considerazione solo con prospettive di acquisto e non di prestito secco, “pro domo Juventus”.

Punte a parte, comunque, serve come il pane un “puntello” in difesa (da affiancare a Silvestre) e senza frapporre troppi indugi, per consentirgli di inserirsi al più presto nei sofisticati meccanismi della zona di Giampaolo…

Sono assolutamente da evitarsi “misunderstanding” come quelli dell’anno scorso, che portarono Regini a giocare la prima di campionato al posto del neo acquisto Castan, poi lasciato libero di accasarsi al Torino.

Fra i giovani, si registra un’operazione in entrata, ammantata di freschezza e nostalgia… arriva dal club Tor di Quinto, Miroslav Mihajlovic (classe 2000), figlio di Sinisa, cresciuto nel settore giovanile della Lazio e poi svincolato due anni fa…

Restando ai ragazzi del vivaio, alcuni iniziano a trovare collocazione, come Michele Ragone (già lo scorso anno al San Severo), che è passato in prestito alla Nocerina.

La notizia di giornata, però, arriva da Verona: l’Hellas ha ricomposto la coppia che ha fatto sognare i tifosi blucerchiati nel 2009/10, trascinando il Doria al quarto posto e al sogno Champions, poi sfumato incredibilmente contro il Werder Brema…

Ebbene sì, “Peter Pan” Cassano, torna a far tandem con il “Pazzo” Pazzini, con tanto di Alessio Cerci a far “da contorno”… lo spettacolo non potrà che beneficiarne.

Più informazioni