Quantcast
Roba da matti

Rissa tra volontari di pubbliche assistenze, processo rinviato, tra loro un pregiudicato

I due militi milanesi hanno giustificato la presenza a Staglieno per raccogliere fondi affermando che "a Genova si incassano più soldi che a Milano"

staglieno

Genova. Sono stati rimessi in libertà dal giudice dopo l’udienza di convalida dell’arresto i tre militi delle pubbliche assistenze di Milano e di Genova fermati ieri mattina dalla polizia per rissa davanti al cimitero monumentale Staglieno di Genova. Il giudice ha rinviato il processo a fine luglio in attesa di conoscere meglio la dinamica di quanto accaduto.

Acclarato invece il motivo della lite: i volontari delle due pubbliche assistenze si contendevano il permesso di raccogliere fondi chiedendo offerte ai passanti alle 3 uscite del cimitero. La discussione è degenerata quando il milite della pubblica assistenza di Genova, un pregiudicato con alle spalle un omicidio colposo – anni fa procurò la morte ad pensionato a cui aveva rubato l’auto che tentò di impedirgli la fuga attaccandosi alla portiera della vettura -, ha cercato di sistemare il banchetto delle offerte almeno ad uno dei tre ingressi. I due militi della pubblica assistenza di Milano (un incensurato e un pregiudicato per rapina) si sono risentiti ed è divampata la rissa con tanto di colpi di sedia. La rissa è stata sedata dai poliziotti che poi hanno arrestato i tre che vi hanno preso parte.

Dai verbali è emerso che i due milanesi hanno giustificato la presenza a Genova per raccogliere fondi affermando che “qui a Genova si incassano più soldi che a Milano”. Indagini sono state avviate dalle Asl di Milano e di Genova sulla gestione delle due pubbliche assistenze, che non risultano iscritte all’Anpas, l’Associazione Nazionale pubbliche assistenze.

Più informazioni