Sotto choc

Morta per ecstasy a 16 anni, il padre di uno dei ragazzi arrestati: “Mio figlio non è un criminale”

Marco Rigotti: "Vicino al papà di Adele, noi adulti non facciamo abbastanza per questi ragazzi"

Il comune di Pietra Ligure premia Sebastiano Gravina, capocannoniere del campionato di calcio dedicato ai non vedenti

Genova. “Mio figlio non è un criminale, ha 18 anni è praticamente un bambino”. Marco Rigotti, papà di Gabriele arrestato sabato insieme al 21 enne Sergio Bernardin per la morte della 16 enne chiavarese Adele De Vincenzi, è provato e ancora non si capacita di quanto sia accaduto. Lui gestisce un piccolo albergo a Sestri Levante e Gabriele che studiava elettronica alla scuola professionale di Rapallo, a volte lo aiutava in albergo.

Sabato avrebbe dovuto dare una mano, ma non si è fatto sentire: “Poi è arrivata la telefonata dalla Questura” spiega il padre. “Forse per questi ragazzi, prima di arrivare a queste tragedia dovremmo fare di più noi adulti, sia come genitori sia come istituzioni che dovrebbero fare prevenzione una volta alla settimana”.

Come padre Marco Rigotti ammette: “Non mi sono accorto di nulla” e si rivolge al padre di Adele: “Vorrei dirgli che gli sono vicino”.

Più informazioni
leggi anche
Il comune di Pietra Ligure premia Sebastiano Gravina, capocannoniere del campionato di calcio dedicato ai non vedenti
Le indagini
Gli sms e le chiamate del fidanzato di Adele recuperati sul cellulare del pusher. Oggi i funerali
Il comune di Pietra Ligure premia Sebastiano Gravina, capocannoniere del campionato di calcio dedicato ai non vedenti
A chiavari
Tanti amici ai funerali di Adele, il padre: “Se solo mi avesse ascoltato un po’ di più”
Il comune di Pietra Ligure premia Sebastiano Gravina, capocannoniere del campionato di calcio dedicato ai non vedenti
Incidente probatorio
Morta a 16 anni per ecstasy, sentita la minorenne amica di Adele. Gli avvocati dei ragazzi chiedono scarcerazione