Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mercatino di corso Quadrio, Bucci: “Il 1 agosto non esisterà più, troveremo l’alternativa”

Bocche cucite sugli spazi che ospiteranno il tanto discusso "suq". L'ipotesi più calda in Valpolcevera

Genova. “Troveremo un’alternativa entro il 31 luglio”. Il sindaco Marco Bucci lo dice senza esitazioni. La convenzione legata al progetto Chance – tradotto: il mercatino di corso Quadrio – non sarà rinnovata alla fine del mese dall’attuale amministrazione comunale. Ma per quella data il primo cittadino e la sua giunta promettono che gli ambulanti che oggi espongono e vendono la loro merce a pochi passi dal porto antico, avranno un altro spazio dove farlo.

Al chiuso (o comunque al coperto). In una struttura con servizi igienici e tavoli. In uno spazio di proprietà comunale prêt-à-porter, pronto (o quasi) all’uso. In un quartiere che non sarà più in centro città.

Ma sulla localizzazione bocche cucite. Né il sindaco Bucci né l’assessore Garassino si sono lasciati sfuggire una parola, un’indicazione in più, su dove sarà traslocato il “suq” di corso Quadrio. Tra le ipotesi circolate negli ultimi giorni, sembrano essere esclusi sia l’ex mercato ovicolo del Campasso, per il quale servirebbe una ristrutturazione troppo importante (quegli spazi saranno riqualificati in futuro grazie a fondi del governo), sia il mercato comunale di piazza Monteverdi, a Cornigliano, per il quale c’è il progetto di una “casa di quartiere”. La freccia è puntata sulla Valpolcevera, nonostante la distanza effettiva dal centro città. Il mercatino potrebbe trovare spazio in una zona periferica tra Bolzaneto e San Quirico oppure in un’area maggiormente raggiungibile con i mezzi pubblici e la metropolitana.