Quantcast
Benessere

Genova è la città meno in forma d’Italia? Lo dice un’indagine

Andiamo poco in palestra e ancor meno in bicicletta. Con noi torinesi e napoletani

palestra, spinning

Genova. La nostra è tra le città meno in forma d’Italia. Ecco quanto emerge da una recente indagine, “Sentirsi in forma in città si può?”, condotta in collaborazione con la Cuore Nutrition Academy, per verificare come gli italiani si mantengono in forma nei centri urbani, dove aree pedonali, spazi verdi e piste ciclabili possono rivelarsi uno strategico alleato al movimento quotidiano.

L’estate si avvicina e la forma fisica torna in voga più che mai. Tuttavia, i genovesi sono fra i cittadini meno in forma, insieme a napoletani e torinesi. Secondo i risultati emersi a livello nazionale, gli italiani affronteranno la bella stagione sentendosi molto o abbastanza in forma (il 61%) e quando non si prendono cura di sé ammettono di farlo per pigrizia in 6 casi su 10.

In particolare, i genovesi sono sotto la media nazionale quando si tratta di andare in palestra (25 persone su 100, contro una media di 31), non usare l’auto e andare a piedi (66 su 100, la media è di 70), e, soprattutto, andare in bicicletta (19 su 100, contro una media di 33) – ma questo è facilmente comprensibile considerando la morfologia cittadina.

Come ci si tiene in forma dunque a Genova? Camminare, in generale, è al primo posto fra le attività praticate (88 su 100) e, nello specifico, 83 genovesi su 100 scelgono di fare due passi a piedi piuttosto che prendere i mezzi pubblici (affollatissimi). Nessuna passione per la corsa invece, che resta l’attività meno praticata dopo la bicicletta: solo 23 genovesi su 100, sotto la media delle città analizzate, che è di 27.

Più informazioni