Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ericsson, la politica con i lavoratori: “Comportamento arrogante e ingiustificabile”

Diverse le adesioni al presidio che si terrà agli Erzelli domani mattina in solidarietà ai 40 lavoratori a cui è arrivata il licenziamento via email

Genova. L’appello dei lavoratori Ericsson, licenziati venerdì sera con una email, non ha lasciato indifferente la città, in particolare la politica a cui i lavoratori si erano rivolti per “una assunzione di responsabilità della politica che non può tirarsi indietro di fronte al dramma, annunciato dalle organizzazioni sindacali da tempo, del licenziamento”.

Dopo la reazione amareggiata della Regione per bocca del Governatore Toti e dell’assessore Edoardo Rixi e del sindaco Bucci, arrivano alla spicciolata le adesioni al presidio che domani, lunedì 24 luglio, si terrà agli Erzelli, organizzato dalla Rsu ormai decimata, in solidarietà ai 40 lavoratori a cui è arrivata la missiva elettronica.

E per cui la Uilcom Liguria evidenzia “il comportamento oltremodo scorretto di Ericsson nell’inviare una e-mail di licenziamento ai lavoratori,  ben oltre l’orario di lavoro, e contemporaneamente disabilitare l’accesso alla rete aziendale agli stessi lavoratori con l’impossibilità di leggerla, aggravante di non poco significato”.

Dal gruppo Pd in Comune è arrivata una dura nota in mattinata che condanna l’atteggiamento della dirigenza Ericsson “gravemente indifferente e arrogante”.

“Prima di tutto nei confronti dei lavoratori genovesi e dei loro diritti. Ma anche verso le istituzioni di questa città, che ha investito e crede proprio sullo sviluppo tecnologico come motore di crescita economica e produttiva”. I consiglieri Pd annunciano la loro presenza insieme ad altri esponenti democratici al presidio, e chiedono al sindaco Bucci di convocare urgentemente una commissione “che lavori sul tema già a partire dai prossimi giorni, considerato che da domani le Commissioni consiliari inizieranno il proprio lavoro”.

“Inviare via mail, di venerdì sera, la comunicazione di licenziamento ai lavoratori è un comportamento inaccettabile e che non trova scusanti, un comportamento estraneo a qualsiasi corretta consuetudine procedurale – si legge nella nota a firma Gruppo Consiliare del PD in Comune – ci impegneremo a lottare accanto ai lavoratori e a cercare, insieme alle altre istituzioni e ai sindacati, una possibile soluzione in questa difficile vertenza che si inserisce pesantemente e acuisce il quadro di difficoltà occupazionale e del sistema produttivo locale”.

Anche Pippo Rossetti, consigliere Pd in Regione Liguria domani sarà ad Erzelli per partecipare al presidio promosso dalle rsu contro il licenziamento: “Saremo al fianco di Toti e Rixi nelle sedi istituzionali, uniti nello sforzo comune di ottenere la salvaguardia dei posti di lavoro e il rilancio di un’azienda importante come Ericsson sul nostro territorio. Vengano a riferire il commissione ogni aggiornamento. Non posso non sottolineare, infine, che la comunicazione di un licenziamento via mail è irricevibile e irrispettosa”, ha commentato oggi il consigliere in un’altra nota.

E domani mattina “tutta la comunità di Possibile sarà a Erzelli al fianco dei lavoratori Ericsson per portare solidarietà, ma soprattutto impegno politico in ogni sede istituzionale nel proseguire la battaglia contro i licenziamenti di venerdì sera”, dichiarano Luca Pastorino e i Comitati di Possibile della Liguria.

“Insieme a Luca Pastorino abbiamo seguito tutte le vicende Ericsson fin dall’inizio, sensibilizzando il Governo ad intervenire concretamente. Siamo in balia di una multinazionale che si rifiuta di partecipare a qualsiasi confronto ma che, al contempo, ha usufruito di fondi pubblici negli anni scorsi. Una modalità inqualificabile e ingiustificabile, riteniamo siano del tutto insussistenti le ragioni di questa speculazione occupazionale di Ericsson”.

Sarà presente anche una delegazione del Partito Comunista “al fianco dei lavoratori di Ericsson che, con un atto vile e inaccettabile, non solo sono stati improvvisamente licenziati, ma sono stati anche lasciati senza ammortizzatori sociali conservativi”.

L’appuntamento è presso la sede Erzelli di via Melen lunedì alle 08.30. La sede è raggiungibile con la linee bus 128 da sestri e 5 dalla stazione di Cornigliano.