Aria irrespirabile

Depuratore Cornigliano, lavoratori Ilva ammorbati dai miasmi scrivono a Comune e Regione: “Iren lo ripari”

Rsu: “Dipendenti sulle banchine costretti a lavorare con le maschere"

depuratore cornigliano

Genova. Tra coloro che vivono e lavorano a Cornigliano e che da settimane devono convivere con la puzza a causa della rottura del depuratore ci sono anche i lavoratori dell’Ilva che lavorano sulle banchine sul lato del Polcevera. Venerdì 21 luglio l’rsu dell’Ilva ha fatto un sopralluogo constatando l’odore irrespirabile e ha deciso di muoversi.

“Vogliamo sollecitare la società Iren affinché venga ripristinato immediatamente il normale funzionamento del depuratore di Cornigliano – scrive nella lettera l’rsu – per questo invitiamo il Comune di Genova e la Regione Liguria affinché si attivino per risolvere questo grave problema per gli operatori Ilva che lavorano presso le banchine”.

“Tali lavoratori – prosegue la lettera – sono ammorbati dai miasmi prodotti dal mal funzionamento del depuratore, tanto da essere costretti a lavorare co le maschere per alleviare gli effetti irritanti sull’apparato respiratorio”.

leggi anche
depuratore cornigliano
Disastro
Ambiente, la moria di pesci di Voltri e Pegli forse causata dal depuratore (rotto) di Cornigliano
depuratore campi
Spiragli di luce
Depuratore di Cornigliano, stop ai miasmi: nel 2018 via al trasferimento