I trend

Cibo a domicilio, a Genova boom del 140% (e ordiniamo soprattutto “indiano”)

Lo dice uno studio effettuato dal marchio Just eat

Il comune di Pietra Ligure premia Sebastiano Gravina, capocannoniere del campionato di calcio dedicato ai non vedenti

Genova. Amiamo sempre di più il cibo a domicilio. O almeno, così rivela la “mappa del cibo a domicilio in Italia” realizzata da Just Eat, marchio conosciutissimo nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena. “Dallo studio Genova sta rivelando una crescita significativa con un incremento degli ordini del + 140% rispetto all’anno scorso” scrivono da Just Eat, e registrando una crescita notevole soprattutto nel consumo di piatti e specialità delle cucina indiana.
 
Uno studio “di parte” naturalmente, ma interessante, che nasce per osservare da vicino le dinamiche della rivoluzione del digital food delivery – dalle scelte legate alle cucine, ai piatti più desiderati esplorando, di città in città, i comportamenti, la professione, l’età e l’approccio alla varietà in cucina e all’ordinazione a domicilio.
 
In particolare, a guidare la crescita c’è la voglia di mangiare indiano (+147%) che registra il maggiore incremento, con al primo posto tra i piatti più ordinati il Chicken Tikka Masala, boccini di pollo marinato con spezie e yogurt, seguito dai dolci (+127%) con in primis tra le preferenze muffin alla mela e aragostella alla crema, e infine dalla cucina etnica (+69%) con le famose focaccette al formaggio.

Questi trend in salita hanno preso il posto di cucine come quella greca, meno ordinate a Genova rispetto allo scorso anno. Nella classifica dei top 3 ordini dei Genovesi sul podio si posiziona però la cucina americana con l’hamburger di chianina, quella giapponese con gli Uramaki Philadelphia e infine dai piatti cinesi con vincitore assoluto il classico riso alla cantonese.
 
Una curiosità riguarda però la cucina tradizionale di Genova. Alcune specialità tipiche genovesi sono ordinate infatti a domicilio tramite app in altre città: le trofie al pesto e i pansotti soprattutto a Milano o il toast alla genovese a Napoli.
 
I Genovesi risultano inoltre in linea con le tendenze dei cittadini degli altri 17 comuni coinvolti nell’analisi dal punto di vista delle professioni che ordinano di più, di chi investe maggiormente e delle fasce di età più attive. Impiegati (40%) e studenti (34%) ordinano con più frequenza, seguiti dai liberi professionisti (14%) che sono però coloro che amano variare di più e sperimentare nuovi piatti. Guardando nel portafoglio, il libero professionista è la figura più disponibile ad investire in un pranzo o una cena ordinata via app a domicilio, con mediamente 700 euro all’anno di spesa, seguito dall’impiegato con 647 euro di spesa, e da chi sta ancora facendo un percorso di studi che spende 378 € avendo una capacità economica inferiore.
 
Esplorando infine i trend generazionali, si scopre in tutta Italia un’intensa attività di digital food delivery da parte dei Millennials 18-36(70%) seguiti dalla Generazione X 36-45 (22%) e dagli over 45 (8%). 

Più informazioni