Quantcast
Nuovi compiti

Centro storico, da lunedì le nuove pattuglie “anti-abusivi” della polizia municipale

Garassino: "Giro di vite contro ubriachi, degrado e concorrenza sleale verso i commercianti"

cronaca

Genova. Partirà lunedì 10 luglio il nuovo servizio per la vivibilità e il decoro nel centro storico voluto dal nuovo assessore alla sicurezza, il leghista Stefano Garassino, e messo a punto dal comando di polizia municipale.

“L’obiettivo – spiega l’assessore – è quello di rispondere alle richieste dei residenti e dei commercianti che segnalano da tempo situazioni di degrado e di forte compromissione del decoro di tutta l’area, comprese le zone più frequentate dai turisti e che chiedono di poter lavorare con tranquillità e senza concorrenza sleale”. I primi interventi riguarderanno “il contrasto ad ogni forma di abusivismo dai venditori ai posteggiatori abusivi, gli assembramenti di ubriachi e le irregolarità nel commercio soprattutto nella zona di Pré dove sono state rilevate soprattutto le segnalazioni dei commercianti”.

Tre le pattuglie impiegate, con il territorio diviso in altrettante aree. Quella centrale, comprenderà piazza De Ferrari, Caricamento, porto antico.

“Due le novità oltre alla consistenza del personale – spiega Garassino – la prima è che le pattuglie saranno dedicate al contrasto del degrado e a tutela della vivibilità mentre gli altri uomini del primo distretto di dedicheranno a sosta e traffico. L’altra novità riguarda la collaborazione tra gli agenti del territorio e i reparti specializzati a partire dal Commercio affiancati in alcuni giorni prestabiliti agli uomini della polizia giudiziaria”.

“Siamo certi che la professionalità degli uomini della polizia municipale – spiega ancora Garassino – con una dotazione di personale finalmente adeguata – potrà incidere positivamente sulla vivibilità del centro storico e delle zone turistiche. Ovviamente nei casi in cui si presentino veri propri problemi di ordine pubblico sui quali la pm non ha competenza la collaborazione tra la municipale e le forze di polizia potrà essere determinante per risolvere anche le situazioni più difficili”.