Quantcast
Da venerdì

A Bogliasco torna NiNiN, il festival dedicato ai più piccoli

In cartellone oltre 80 laboratori artistici, creativi e didattici condotti da operatori specializzati, spettacoli di musica, teatro e danza, proiezioni, workshop, presentazioni di libri, incontri e conferenze. Gratis.

Il comune di Pietra Ligure premia Sebastiano Gravina, capocannoniere del campionato di calcio dedicato ai non vedenti

Bogliasco. Dal 7 al 9 luglio 2017 Bogliasco si trasformerà nuovamente in un mondo a misura di bambini e ragazzi grazie alla V edizione del NiNiN Festival, progetto ideato da Mariagrazia Bisio e sostenuto dal Comune di Bogliasco, da diversi piccoli ma importanti sponsor locali, ma soprattutto grazie alla collaborazione di molte associazioni riunite sotto il cappello della Consulta delle Associazioni di Bogliasco.

Per la prima volta c’è lo street food con diverse specialità locali e in questa edizione il Festival supporta Helpcode, organizzazione non governativa italiana che lavora nel mondo per garantire il diritto di essere bambini, ed il tema portante è “La Giustizia” che attraversa tutto il programma declinato nelle forme più diverse.

Il fitto cartellone in cui tutto è a fruizione libera propone più di 80 laboratori artistici, creativi e didattici condotti da operatori specializzati, spettacoli di musica, teatro e danza, proiezioni, workshop, presentazioni di libri, incontri e conferenze rivolte ad adulti e tanto altro.

Venerdì 7 luglio si inizia alle ore 10 con la presentazione del programma della manifestazione alla presenza delle Istituzioni, la Premiazione del concorso letterario NiNiN Festival2017 e presentazione della pubblicazione del testo vincitore dell’ultima edizione nella versione audio realizzata a cura di “La Bottega delle favole” ed “Edilizia musicale”.

Sempre dalle ore 10:00 prendono il via in Piazza XXVI Aprile e in altri luoghi del borgo i laboratori artistici, creativi e didattici condotti da operatori specializzati, rivolti ai bambini e ragazzi e nel corso dei quali i genitori e/o gli accompagnatori potranno anche visitare tranquillamente il paese o farsi un tuffo in mare per rinfrescarsi. Nei tre giorni ci saranno laboratori di teatro, musica, danza, pittura, yoga, tennis, vela, sup e kajak, cucina, illustrazione, farmacia e tanto altro.. Molti laboratori richiedono la prenotazione ed il programma completo con le informazioni è consultabile sul sito www.nininfestival.com

Per ciò che riguarda gli eventi per adulti, venerdì 7 luglio è dedicato ai libri e alla letteratura per l’infanzia e per l’adolescenza e ci si interrogherà sul senso e il valore della lettura in questa società ormai prettamente visiva. Ci saranno alcune presentazionI di libri: “Gaia la libraia” di Valentina Rizzi (Bibliolibrò, Roma); “L’elisir d’amore” di Fiorella Colombo e Laura di Biase, illustrazioni di AntonGionata Ferrari (Vallardi Industrie Grafiche, Milano).

Alle ore 16.00 avrà luogo la tavola rotonda dal titolo “Evoluzione e significato della letteratura per l’infanzia e lettura ad alta voce nella società visiva”, che vedrà Tiziana Marinosci nelle vesti di moderatore ed alla quale parteciperanno tra gli altri Francesco Langella (direttore scientifico della Biblioteca De Amicis di Genova, Direttore della rivista Lg) e Sara Marconi (torinese, autrice, traduttrice ed editor, responsabile letteratura per ragazzi per l’Indice dei libri del mese).
Seguiranno altre presentazioni di libri, tra i quali “La famiglia X” di Matteo Grimaldi (Ed. CameloZampa edizioni – Firenze), “Sul fronte del porto” di Ivano Baldassarre & Enrico Scheri La Cicala Edizioni; ed “E vallo a spiegare a Nino”, di Anselmo Roveda (Edizioni Coccole Books).

Per ciò che riguarda gli spettacoli nella prima giornata – venerdì – si comincia alle ore 17.30, presso la sala Ferrari, con la proiezione del docufilm “La scuola del Mediterraneo: una storia da ricordare”, un film firmato dagli studenti della 3 P, classe bogliaschina dell’istituto comprensivo golfo Paradiso. Una pellicola dedicata interamente alla storia della scuola che i coniugi Hans e Zenta Weil gestirono tra il 1934 e il 1938 a Recco, ospitando e salvando la vita a decine di scolari di origine ebraica. Il progetto è stato coordinato da Carla De Barbieri con la collaborazione di Francesco Rotunno.

A seguire “Il signore dall’abito bianco”. “Il Signore dall’Abito Bianco è pensieroso. Sta progettando il suo prossimo viaggio in Senegal ed è alla ricerca di oggetti preziosi per arricchire la sua collezione”; i ragazzi della 4A e 4B della scuola primaria Enrico Fermi di Bogliasco, interpretano liberamente il dipinto di Luigi De Servi “Ritratto di Evan Amckenzie” dando vita ad un’avventura ambientata nei giorni nostri e contribuendo alla sensibilizzazione su tematiche quali la pace e la tolleranza.

Alle ore 18,30 si torna in Piazza XXVI aprile per “Una partigiana di nome Tina” di e con Milena Lanzetta, spettacolo tratto dall’omonimo libro di Anselmo Roveda (Edizioni Coccole Books). L’opera reca omaggio e trae spunto dalla vicenda umana di Tina Anselmi, che diverrà poi prima donna ministro della nostra Repubblica.

Sempre in piazza, a partire dalle ore 20 ci saranno le performance del cantastorie Luca Chieregato e del Clown Magico Alexo e alle 20:45 sarà la volta di “Tap-Hop”, esibizione di TipTap con protagonisti gli allievi della scuola di formazione artistica Kaleido Tap di Quarto.

La giornata inaugurale del Festival sarà chiusa, alle ore 21.00, dallo spettacolo “La Cicala extraterrestre”, una pieces a cura di Dario Apicella e Fiorella Colombo sul tema diritti dei bambini, basata su storie e musiche edite da la Cicala editore.

Il festival mette a disposizione un posteggio con navetta che farà la spola tra la stazione FS ed i campi sportivi di località Poggio, in piazza XXVI Aprile ci saranno la Vasca in Piazza – una grande piscina che viene allestita per far provare ai bambini immersioni con gli attrezzi da sub, la merenda bio e senza gluten per tutti a cura della Farmacia Corsanego alle ore 17, uno spazio baby con fasce, marsupi angolo cambio pannolino, spazio pappa, giochi e materiali per la prima infanzia, consigli di lettura a cura di “Andersen. La rivista e il premio dei libri per ragazzi”, uno spazio confort mamme per riposare con i professionisti della rete “We Love Moms”, informazioni su come si fa la carta a mano a cura del Museo della Carta di Mele e “La Giustizia” – mostra dei disegni fatti dai bambini sul tema della giustizia ed esposizione dedicata alla memoria del maestro Raimondo Sirotti presso “Sala di Sotto” di Just Peruzzi (via Mazzini 132).

Più informazioni