Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Turista torinese multato a Cogoleto si ribella e promette cattiva pubblicità (ma se avesse torto?)

Mario Immordino ci ha segnalato la sua vicenda, sanzionato per aver parcheggiato in zona Zsl: "Non si leggeva la scritta, non soggiornerò mai più nel vostro Comune"

Genova. Il signor Mario, da Nichelino (To), è venuto in vacanza al mare sulla costa genovese, a Cogoleto, come tanti turisti ha cercato di scovare un parcheggio che non fosse a pagamento, magari in una zona un po’ defilata rispetto alla spiaggia. Ma gli è andata male. Dopo una giornata di tuffi e solleone è tornato alla sua auto e ha scoperto che il cruscotto era stato corredato da una multa.

L’auto era parcheggiata in piazza Primo Maggio, un quartiere residenziale dove vige la Zsl. “Parcheggio pensando di aver rispettato le regole, ma vengo tradito da una scritta sbiadita sulla pavimentazione, così mi prendo un bel verbale dal vigile zelante che non aspetta altro che far fare cassa al Comune” scrive il signor Mario, dipendente Rai, alla nostra redazione.

La sua lettera è corredata dal verbale della multa, dal bollettino di pagamento e da un’immagine che però non ci permette di avere la certezza che la segnaletica orizzontale relativa al divieto di sosta fosse effettivamente non leggibile.

Si è spento Roberto Berselli, lutto a Pietra Ligure

“Da buon cittadino invio copia del pagamento del verbale INGIUSTAMENTE appioppato per un DIVIETO a dir poco DISCUTIBILE – scrive ancora Mario – Chiaramente EVITERO’ in futuro di soggiornare nel vostro comune e di far dell’accaduto la giusta pubblicità”.

Ma poniamo che il signor Mario sia stato invece un po’ disattento (il parcheggio era in una zona di Cogoleto piuttosto chiaramente soggetta a limiti di sosta, praticamente “in casa” degli inquilini dei palazzi) e la multa lo abbia amareggiato, fatto arrabbiare – come succede a tutti quando si prende una multa – possiamo capire che non avrà mai più voglia di venire a Cogoleto, ma addirittura vendicarsi promettedo di fare cattiva pubblicità alla località balneare?

“Ho scritto al comandante dei vigili urbani del Comune di Cogoleto, ma chiaramente non sono stato degno di alcuna risposta, così come anche da parte del sindaco: chiaramente multare un villeggiante e cosa giusta”, racconta ancora il signor Mario. Beh, multare un villeggiante, così come multare un residente, se è corretto, è cosa giusta.