Bufera

Turismo e conti pubblici, Pd all’attacco: “Toti risponda sul milione di euro assegnato a Liguria Digitale”

Oltre la polemica del Red Carpet. Ma il governatore replica: "E quelli spesi per il Giro d'Italia...?"

Genova. “Il problema di Toti e Bucci non è il tappeto rosso di Rapallo e Portofino. La questione che poniamo al centrodestra e al suo candidato sindaco è il milione e centomila euro che la Giunta Toti ha affidato a Liguria Digitale – fino a poco tempo fa amministrata dal candidato del centrodestra alle comunali Marco Bucci – per progetti di comunicazione. Non si tratta di pochi spiccioli ma – ripetiamo – di due miliardi delle vecchie lire che Liguria Digitale avrebbe dovuto spendere in sistemi informatici, banda larga, ricetta elettronica e altre voci correlate ai propri compiti statutari e che invece sta utilizzando per eventi turistici”.

A scriverlo sono i componenti del gruppo del Partito Democratico in Regione, i quali pongono al governatore ligure alcune domande: “Perché Toti ha mentito quando ha detto che l’installazione del tappeto rosso era coperta degli sponsor privati, mentre era stata pagata con 30 mila euro (praticamente l’intera somma necessaria) da Liguria Digitale?”.

E ancora, “Perché non ci sono i documenti che descrivano cosa debba fare Liguria Digitale con il milione e 100 mila euro che gli ha affidato la Giunta Toti per la comunicazione?”, “Perché nel documento strategico di Liguria Digitale non c’è scritto che oltre ai servizi per la comunicazione?”, “Perché quest’attività di comunicazione è stata affidata a Liguria Digitale e non all’agenzia di promozione turistica In Liguria?”

Arriva a stretto giro, la replica di Giovanni Toti. “Raffaella Paita ci accusa di aver speso troppo in comunicazione. Non vale la pena di smentire…ma vorrei solo ricordare i soldi spesi (circa un milione e oltre) in una sola settimana per il Giro d’Italia dalla sua giunta”, scrive il governatore della Liguria sulla sua pagina Facebook. “Era maggio 2015 e quell’iniziativa doveva farle vincere le elezioni – continua Toti -. Nonostante i soldi sprecati…al traguardo non sono arrivati. Ciao Raffaella…c’e’
ancora da pedalare!”.