Alle 17

Sabato a Music for Peace la mappa della Sampiedarena solidale

Il progetto, presentato da una rete di associazioni del territorio, per rispondere alla logica emergenziale con una solidarietà e socialità dal basso

Genova. Una mappa della Sampierdarena solidale che contrappone alla “finta logica emergenziale” delle istituzioni un’alternativa costruita dal basso fatta di spazi, progetti e persone che coinvolga gli abitanti del quartiere con attività che permettano alle persone di incontrarsi in spazi di socialità condivisi.

E’ il progetto costruito da una rete di associazioni del territorio (Circolo 30 Giugno, Circolo Lenci Rifondazione Comunista, Brigate di Solidarietà Attiva Genova, “Centro Sociale Zapata, Music for Peace, Circolo Chico Mendes, Comunità San Benedetto al Porto, ANPI Martiri del Turchino – Campasso e Circolo Musicale Risorgimento) per rispondere alle polemiche nate dopo la notizia del trasferimento di 150 richiedenti asilo attualmente ospitati alla Fiera presso l’ex Bocciodromo di San Benigno.

L’obiettivo, come si legge in una nota è quello di “mettere a disposizione spazi ed energie per co-costruire e proporre una forma di ospitalità e convivenza diversa da quella fino ad oggi messa in atto dalle istituzioni che nascondendosi dietro a finte logiche emergenziali, rispondono al “diritto all’accoglienza” ammassando persone in spazi ristretti, inadeguati e in territori isolati e già affaticati, perseguendo fini economici a ribasso e non tenendo conto della dignità di chi vi sarà costretto a “vivere”.

Il progetto verrà presentato sabato 10 giugno alle 17 a Music for Peace.