Polemica

Red Carpet a Nervi, il veto di Doria: “Istituzioni non facciano campagna elettorale”

Continua la polemica sui "tappeti rossi": rispedita al mittente la richiesta per la passeggiata Anita Garibaldi

Continua la polemica legata ai tappeti rossi installati o da installare su e giù per il territorio ligure e genovese. Dopo l’idea di stendere un nuovo “Red Carpet” sulla passeggiata Anita Garibaldi di Nervi, interviene direttamente il sindaco di Genova, Marco Doria, attraverso una nota stampa, e rilancia in qualche modo la polemica.

Secondo il primo cittadino la motivazione dichiarata è che domani si svolgerà sul posto una conferenza stampa della giunta regionale, ma: “L’esposizione di un tappeto sulla meravigliosa passeggiata, in funzione di una conferenza stampa, non servirebbe a valorizzare questa inestimabile risorsa della Città, peraltro tutelata come bene paesistico”.

“Rilevo, innanzi tutto, che in questo delicato periodo le istituzioni dovrebbero, per legge, astenersi da iniziative che possano assumere un significato elettorale – continua il Marco Doria – A questa regola il Comune e il Sindaco in prima persona si sono attenuti. Sarebbe contraddittorio se con il proprio assenso avallassero eventi promossi da altre istituzioni che contrastano tale principio”.

Il sindaco uscente lancia anche qualche frecciatina indirizzata al governatore Giovanni Toti: “Ben vengano contributi da parte della Regione per la passeggiata, i parchi, i musei, il commercio e il turismo del Levante cittadino purché siano reali e concreti e non disperdano risorse pubbliche. Le scelte devono essere assunte in un quadro di condivisione tra Comune e Regione che questa richiesta, come già in altre occasioni, sembra volutamente ignorare.
Il Presidente Toti, che in questo periodo è molto attento alle cose comunali, certamente ricorderà che l’Amministrazione comunale e il Municipio Levante hanno effettuato interventi di manutenzione sulla passeggiata per 830 mila euro e nei parchi di Nervi per 2,5 milioni, oltre ai costosi interventi (500mila euro) che sono stati realizzati a seguito dell’evento atmosferico dell’ottobre scorso”.

Lo spunto del Red Carpet permette al Comune di Genova di fare il punto su un o dei luoghi più frequentati da turisti e genovesi: “Al contempo, la promozione turistica che il Comune ha sviluppato in questi anni raggiungendo il record di due milioni di visitatori in grande parte stranieri, ha interessato naturalmente anche il patrimonio paesistico e museale del Levante cittadino. Ed è finalmente partito il cantiere per dare nuova vita all’edificio della Marinella”.

leggi anche
  • La polemica
    Toti attacca Doria: “Solo a Genova il tappeto resterà grigio, ma per pochi giorni”