Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Portofino, lavoro nero in “piazzetta”: denunciata la sorella di Raggio

Due i lavoratori irregolari, di cui uno anche sprovvisto del permesso di soggiorno.

Più informazioni su

Portofino. Dai flutti di Portofino emerge il lavoro nero. Lo hanno scoperto i carabinieri, nell’ambito di un servizio ad hoc sul territorio, battendo a tappeto gli esercizi commerciali della famosa “piazzetta” e al termine del quale, la titolare di un noto locale, sorella di Maurizio Raggio, l’ex compagno della contessa Vacca Agusta è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Genova.

Le contestazioni sono relative all’impiego di due lavoratori irregolari di cui uno anche sprovvisto del permesso di soggiorno.
I militari insieme ai colleghi del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Genova, ieri si sono presentati nel locale ed hanno proceduto a identificare tutti i dipendenti in servizio all’interno.

Molti di essi erano regolarmente censiti e assunti con contratto di lavoro subordinato; due di loro invece, un albanese (lavapiatti) e un cuoco italiano, risultavano invece assunti “in nero”.

Dalle verifiche sul conto del lavapiatti, è emerso che il 29enne non era munito di permesso di soggiorno e quindi questi è stato denunciato per ingresso e soggiorno illegale nel territorio italiano.

Oltre alla denuncia a carico della titolare sono state elevati oltre 12.000 euro di multa e la sospensione dell’attività commerciale.

La Raggio per scongiurare quest’ultima sanzione ha già versato un quarto della sanzione  dovuta all’Ispettorato del Lavoro evitando la chiusura del locale, nonché ha provveduto a regolarizzare la posizione del cuoco e a pagare i contributi al lavapiatti. Entro sei mesi dovrà essere versata la restante parte della sanzione per scongiurare nuovamente  la sospensione dell’attività.