Pallanuoto uisp

Pallanuoto Uisp: Lavagna non riesce a bissare il successo

Il Partizan dopo la vittoria nel campionato ligure chiude al quarto posto nelle finali nazionali Uisp. Camogli Emme30 che sfiora l'impresa, ma i rigori la condannano al secondo posto

Non è riuscita nell’impresa di vincere il titolo nazionale, il Lavagna 90 Partizan che chiude al quarto posto nella categoria Master, al termine di una tre giorni davvero intensa che ha visto sfidarsi ben 12 società in vasca con la vittoria del campionato Assoluto amatoriale Uisp da parte degli emiliani del’Oswm Sea Sub Modena. 

Nonostante la presenza di ben 5 società genovesi e una savonese,  ad imporsi sia nella categoria Amatori che in quella Master sono state due società del centro Italia. Come detto Modena si è aggiudicata il titolo Uisp nazionale per gli Amatori, mentre nei Master a trionfare sono stati i fiorentini del San Casciano.

I lavagnesi erano osservati speciali dopo aver conquistato il titolo di campioni liguri poche settimane fa: dopo un girone di qualificazione perfetto con le vittorie sui romani della Tri Star e sui cugini di Ronco Scrivia dell’Aquarium Vallescrivia, gli arancioneri hanno sconfitto anche il Torino 81 per 14-10 nei quarti di finale. Fatale è stato il derby contro la Rari Nantes Camogli che ha piegato i cugini lavagnese per 4-6 al termine di una gara tirata ed imprevedibile.

Il Partizan poi, con il morale sotto i piedi non ha affrontato nella giusta maniera la partita contro il Nuoto Livorno che valeva comunque il terzo posto Master ed ha dovuto alzare bandiera bianca, sconfitto per 5-6.

Meglio ha fatto come detto la Camogli Emme30 che prima di vincere lo scontro diretto contro Lavagna aveva ottenuto il primato nel proprio girone battendo San Casciano e Palermo rifilando ad entrambe ben 15 reti, per poi passare agevolmente i quarti contro la Tri Star grazie a otto reti. La finalissima contro San Casciano è terminata ai rigori dopo l’8-8 dei tempi regolamentari. Tante le recriminazioni dei camoglini, soprattutto se il pensiero torna alla vittoria nel gironcino (15-7 per Camogli). Alla fine i fiorentini si sono dimostrati più freddi ed hanno conquistato inaspettatamente il titolo.

Finale positivo nel complesso anche per l’Aquarium Vallescrivia che si laurea vicecampione italiano Amatori, sconfitto ai rigori da Modena dopo che la gara era terminata 4-4. Per i liguri un torneo fatto di alti e bassi, dopo un girone da dimenticare, terminato in fondo alla classifica che li ha mandato agli ottavi, dove hanno incontrato San Casciano che ha vinto agevolmente 13-6, relegando la società ronchese alla competizione amatoriale. La prima vittoria è arrivata contro Palermo in semifinale ed è stata netta: 7-12.

Male la Rari Nantes Camogli Camonaco che chiude al terso posto evitando l’ultima posizione assoluta con la vittoria proprio su Palermo per 15-4 nella finalina per il 3° posto amatoriale.  Per i camoglini un torneo iniziato bene e deciso solo dalla differenza reti in un girone che vedeva oltre ai liguri anche Torino e Roma fermi a 3 punti.

Passata come ultima, Camogli è stata mandata ko anche dalla Tri Star agli ottavi e da Modena in semifinale. La vittoria nella finalina quindi permette almeno di terminare con un sorriso una fase nazionale decisamente sottotono.