Cronaca

Molassana, inaugurato – tra festa e polemiche – il nuovo Basko in area ex Boero fotogallery

"E' stato realizzato in zona a rischio inondazione" accusano dal M5S, ma Municipio e costruttori: "Piano di bacino è stato aggiornato". A settembre saranno ultimate le nuove case

Genova. 1500 metri quadrati di superficie di vendita, una nuova piazza per il quartiere, interventi di messa in sicurezza sui rivi che lo circondano, 17 milioni di investimento privato: è stato inaugurato oggi il nuovo supermercato Basko di Molassana, in area ex Boero, primo risultato del progetto di riqualificazione dell’immobiliare Geirato dietro alla quale c’è il gruppo Sogegross.

Una struttura attesa da tempo dal territorio e dai cittadini, stanchi di vivere con un cantiere aperto – i lavori hanno accumulato un paio di anni di ritardo – ma anche pesantemente osteggiata da parte di loro. La protesta è stata raccolta e portata avanti sia dai commercianti della zona (Confesercenti) sia dal MoVimento 5 Stelle.

Con un volantinaggio, nel pomeriggio, davanti al nuovo market, è iniziata ufficialmente la loro attività di opposizione. “Questo è un progetto che ci preoccupa molto – ha detto il neoconsigliere comunale Luca Pirondini – e che stiamo denunciando da tempo. La giunta Doria ha permesso di costruire ancora su una zona rossa, a rischio idrogeologico”. Pirondini ha mostrato un documento, il piano di bacino, dove lo spazio commerciale è collocato in un’area dove, tecnicamente, non si potrebbe costruire.

Notizia che viene smentita da Agostino Gianelli, presidente uscente del Municipio, che ha spiegato come ci sia stato un problema di mancato aggiornamento della documentazione ufficiale e come invece, di fatto, dopo il benestare alle opere idrauliche, l’edificio non si trovi più in zona rossa. Legittimo che i Cinquestelle (e non solo) vogliamo avere conferme ulteriori in merito.

Polemiche a parte, l’inaugurazione del Basko è stata una grande festa per Molassana. Molte persone hanno partecipato all’evento. “Questo progetto comprende anche un terzo lotto – dice Antonio Mantero, direttore generale Basko e direttore sviluppo del gruppo Sogegross – di abitazioni, contiamo di terminarlo entro settembre”. Mantero risponde anche alle critiche del MoVimento 5 Stelle: “Abbiamo investito 4 milioni di euro in oneri di urbanizzazione e inoltre abbiamo predisposto la messa in sicurezza dei rivi”. Il Ca’ de Rissi e il Geirato. “Le opere per il quartiere sono state concordate con un lavoro di confronto durato 3 anni con tutti i comitati” aggiunge Gianelli.

Con la conclusione dei lavori, in autunno, Molassana avrà anche una nuova biblioteca e un auditorium, laddove un tempo c’era il grande colorificio.

La Basko inaugurata sostituisce quella già esistente in via Bernardini: tutti ricollocati i dipendenti. Sono state fatte, inoltre, alcune assunzioni.

leggi anche
  • La querelle
    Ex Boero, i negozianti “sfrattati” da via Geirato: “Chiediamo di lavorare, ora ricorso al Tar”
  • Lavori in corso
    Ex Boero, Confesercenti chiede certezze sul rischio idrogeologico: “Nostra relazione preoccupante”
  • Molassana
    Ex Boero, il “caso” in Europa. M5S: “Nuova colata di cemento”
  • I 9 municipi
    Media Val Bisagno, inizia l’era D’Avolio: “Assemblee pubbliche e gazebo per una vallata che sta cambiando”