Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Matteo Salvini, finale di campagna per Bucci: “A Genova possiamo farcela, da qui parte lo sfratto a Renzi & co” fotogallery

In largo Pertini oltre al leader del Carroccio anche Giorgia Meloni di Fratelli D'Italia

Genova. Seicento persone in piazza per l’evento finale del centro destra in largo Pertini dove sono arrivati il segretario della Lega Matteo Salvini e la leader del Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Sul palco a condurre l’evento il giornalista di Mediaset Paolo Del Debbio insieme all’amico governatore ligure Giovanni Toti: “Siamo l’unico vero cambiamento in questa città – ha detto il governatore – e in qui in questa piazza dove eravamo due anni fa si rinnova quel sogno che ci ha visto insieme espugnare la Regione Liguria e l’anno scorso il Comune di Savona. Entro giugno anche Genova sarà espugnata dal centro destra unito”.

festa fine campagna bucci

“Tantissimi genovesi hanno perso la speranza – ha detto dal palco Marco Bucci – ma noi abbiamo un progetto concreto di città e adesso faremo tornare Genova grande. Se volete quelli che dicono sempre no sapete chi votare, se volete un cambiamento vero che faccia tornare Genova grande”.

Grandi applausi per Matteo Salvini che prima di salire sul palco ha detto ai giornalisti: “E’ una battaglia fondamentale per una città come Genova che merita di tornare a essere capitale d’Europa anche nelle periferie e poi e’ un segnale politico a Roma dove stanno litigando su tutto, sui vaccini sulla legittima difesa sull’immigrazione sulla legge elettorale perfino. “Basta, e’ un chiaro segnale di preavviso di sfratto. Renzi Boschi e Boldrini a casa. Da Genova puo’ veramente arrivare un cambiamento a livello nazionale”.

“Dobbiamo cambiare, per mandare a casa una sinistra che ha fatto un disastro in questa città ferma, una città potenzialmente stupenda – ha detto Salvini – ma quando vado a Begato, a Cornigliano o quando vado al porto i pescatori mi dicono che ci sono orde di migranti che ne fanno di tutti i colori”.

“Non penso che i genovesi siano imbecilli – ha aggiunto il leader del Carroccio attaccando Crivello indirettamente riferendosi al candidato sindaco di Alessandria – se uno e’ scomparso per quattro anni e undici mesi facendosi vedere due giorni prima del voto e’ un infame che deve cambiare mestiere e non merita la fiducia dei genovesi”.  “Dove sei stato per quattro anni mentre a Sestri Ponente e Coronata vivevano in condizioni indecenti? Dov’eri? – chiede Salvini – Dove erano Doria e Crivello mentre la gente negli alloggi popolari non puo’ salire a casa sua perche’ gli ascensori non funzionano?”. “Prima gli italiani, prima i genovesi: questo significa scegliere Bucci domenica”, aggiunge il leader della Lega – Ci vediamo al ballottaggio a Genova, mandare a casa Crivello vuol dire mandare a casa Renzi, la Boschi, la Boldrini e tutta questa compagnia di scappati di casa”.

La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni lo corregge dal palco: “Non sono d’accordo con Matteo solo su una cosa, noi non ci vediamo al ballottaggio a Genova, noi vogliamo vincere al primo turno con Marco Bucci, il nostro obiettivo e’ vincere al primo turno, il nostro candidato ha i voti per conquistarlo”.