Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Locatelli torna a vincere: salvezza più vicina

Contro Catania la prestazione è ancora da rivedere, ma arriva una buona vittoria che fa ben sperare per gara due, prevista giovedì in Sicilia

Dire che “ci voleva” pare scontato nel caso della vittoria della Luca Locatelli in gara 1 dei playout. Invece è proprio così: ci voleva. Dopo la sconfitta casalinga incassata contro le sarde della Promogest che ha condannato agli spareggi le lontre, la Locatelli rialza la testa subito, sebbene senza fornire prestazioni di alto livello contro la Guinness Catania.

Non che le etnee abbiamo espresso una gran pallanuoto, ma proprio in virtù di ciò le liguri forse, avrebbero potuto fare anche qualcosa di meglio. Fatto sta che che la gara comincia con le catanesi che puntano da subito sul fisico, andando in vantaggio. Marcialis risponde immediatamente, poi la partita rallenta, ristagnando sull’1-1 fino a un paio di possessi dal termine quando le lontre accelerano piazzando tre reti in rapida successione, con la doppietta di Figari e ancora Marcialis con una spettacolare palombella in semirovesciata. 4-1 e partita che prende una direzione più marcata.

Catania prova a forzare, accorciando con Amedeo, ma l’inglese Bull trova la pronta risposta che mantiene le avversarie a distanza di sicurezza. Poi ancora Figari piazza la sesta rete con l’uomo in più, prima che le siciliane accorcino ancora sul 6-3 con Bucisca. Coduri para un rigore, ma Catania è nel momento del massimo sforzo per rientrare e in qualche modo ci riesce con la quarta rete firmata Ciancio. 6-4 e lontre in difficoltà.

Ci pensa ancora Carolina Marcialis a prendere per mano la squadra con la rete che, a fine quarto che piega, ma non spezza le avversarie.

L’ultima frazione scorre con molto equilibrio e pochi gol. La stanchezza si fa sentire e solo nel finale arrivano i gol di Bull e Adamo che mettono punti sicurezza siglando il 9-4. L’ultima rete è catanese, però ancora con Bucisca che piazza il definitivo 9-5.

Una vittoria che comunque resta importante e potrebbe significare la salvezza se giovedì le lontre faranno il proprio dovere a Catania. Di sicuro ci vorrà ancora qualcosa in più visto che le etnee con ogni probabilità giocheranno alla morte per portare la contesa a gara 3.

Il tecnico Carbone commenta: “Non era facile affrontare questa partita, non possiamo negare che ad inizio stagione i playout non fossero fra le opzioni contemplate, ma principalmente per colpa nostra (anche se non solo per questo) ci siamo dovuti calare nella parte in pochi giorni,e, nonostante anche stavolta si potesse giocare molto meglio, le ragazze sono state già brave ad imporsi con autorevolezza in un incontro che ha evidenziato anche dei momenti di difficoltà. Conto molto sul fatto che questa vittoria, una serenità in buona parte ritrovata ed anche la fiducia incondizionata che ho posto in questo gruppo ci regalino giovedì una gara due finalmente alla nostra altezza, per chiudere con un sorriso convinto questa stagione con qualche luce e troppe ombre”.