Quantcast
Emergenza

Genova a trazione Lega Nord verso l’addio al progetto Sprar, ma in arrivo altri 39 migranti

39 sono destinati alla Liguria dei 1215 sbarcati a Salerno da una nave della Guardia Civil. Tra loro anche neonati e donne incinte

migranti

Genova. Arriveranno anche a Genova alcuni dei migranti sbarcati in queste ore al porto di Salerno, trasportati dalla nave Rio Segura, della Guardia Civil spagnola. Su 1215 persone 39 sono destinate a centri di accoglienza nella nostra regione. L’ulteriore smistamento fra Comuni non è ancora noto.

In questa settimana sono circa 300 i migranti, tra quelli già arrivati e quelli in arrivo, in Liguria. Un flusso destinato a crescere secondo le previsioni del ministero dell’Interno. Per gestire l’accoglienza è previsto nei prossimi giorni un incontro tra il prefetto Fiamma Spena e il neo sindaco di Genova Marco Bucci. Secondo le prime informazioni non verranno allestite tendopoli ma si cercherà di convincere i sindaci dei comuni che ancora non hanno ospitato i migranti. A Genova sono 2500 i richiedenti asilo, quasi più del doppio di quanto previsto, anche se la situazione “è fluida” fanno sapere dalla Prefettura.

La nave spagnola è arrivata nel porto campano intorno alle 13. Un viaggio durissimo soprattutto per i 256 minori, molti dei quali non accompagnati, 13 neonati e 11 donne in stato di gravidanza. Molti migranti sono feriti o alle prese con fratture. Segnalato anche un caso di scabbia.

I profughi – provenienti dai Paesi dell’Africa centrale oltre che da Pakistan e Bangladesh – sono stati recuperati in mare aperto, la traversata è stata rallentata dalle condizioni di maltempo. Proprio nelle ultime ore la notizia che il governo italiano avrebbe battuto i pugni sul tavolo a Bruxelles minacciando che senza un maggiore sostegno per l’emergenza sbarchi da parte dell’Unione europea, il nostro Paese potrebbe decidere di chiudere i porti, innanzitutto, all’attracco di navi di ong o enti che non rientrino nei progetti Triton e Sophia.

Più informazioni