Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Iren taglia ed esternalizza i servizi di pronto intervento notturno sulle reti gas, protesta dei lavoratori

Questa mattina davanti alle sedi Iren di Gavette e via Santi Giacomo e Filippo si è svolto un volantinaggio a cura dei delegati Filctem Cgil

Più informazioni su

Genova. Volantinaggio questa mattina davanti alle sedi Iren delle Gavette e di via Santi Giacomo e Filippo da parte dei lavoratori del gruppo e dei Vigili del Fuoco.

“Lo avevamo denunciato in un comunicato stampa congiunto con la Cgil Vigili del Fuoco nel mese di giugno del 2016, esattamente un anno fa: il Gruppo Iren intende smantellare le attività del Gas sul nostro territorio riducendo le coperture, cancellando il pronto intervento notturno e mettendo in dubbio la sicurezza dei cittadini. Adesso Iren ci riprova e accelera i tempi per realizzare questa idea insensata” si legge in una nota della Cgil.

“Risulta per noi inaccettabile sostituire l’attuale servizio Gas che, a detta di tutti i soggetti interni ed esterni interessati, è altamente affidabile, con una improbabile organizzazione non rispondente alle necessità del servizio ma a quelle del risparmio (esternalizzando parte delle attività). Contestiamo questa decisione imposta dall’esterno, in assenza di un minimo di conoscenze del territorio genovese e ci opporremo con tutti i mezzi a nostra disposizione per evitare rischi alla cittadinanza”.

Il sindacato territoriale aveva chiesto un incontro ma il Gruppo Iren ha rinviato il problema al tavolo nazionale;la data concordata, a Roma, sarà il prossimo 27 giugno, dopo che il Gruppo stesso ha dichiarato ufficialmente che dal 1 di luglio prossimo introdurrà, a prescindere dal tavolo nazionale stesso, la nuova organizzazione del servizio Gas

I sindacati chiedono alle istituzioni locali “cosa pensano di un’azienda, della quale sono anche azionisti, che decide la cancellazione delle attuali attività del servizio Gas, settore delicato e indispensabile, per avventurarsi nel cambio dettato solo dal risparmio. Chiediamo alle istituzioni locali un confronto con i lavoratori del Gas per verificare di persona, in mezzo a chi il servizio lo svolge, le problematiche evidenziate”.