Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, la mappa del voto: il crollo del centrosinistra, Bucci si prende anche le roccaforti rosse fotogallery

Crivello e il centrosinistra perdono storiche roccaforti come Sampierdarena, Bolzaneto e Cornigliano. Bucci percentuali bulgare ad Albaro, Foce, Carignano, Quinto e Nervi

Genova. La mappa del voto racconta bene, con una fotografia esauriente, la notte “storica” del centrodestra che ha espugnato, dopo 40 anni, Genova la roccaforte del centrosinistra.

mappa voto ballottaggio

Il 2012 è lontanissimo e l’arancione ora è il colore di Marco Bucci sindaco, ma del centrodestra. Parlano per primi i Municipi (al primo turno in tre sono passati al centrodestra rispetto a cinque anni fa): Gianni Crivello resiste e vince a Ponente (sul filo, 50.83%) nel Medio Ponente (51% ) e in Valpolcevera dove guadagna la percentuale più alta: 52%. Lontane le cifre bulgare del passato da roccaforte rossa.

Di bulgaro in questa tornata elettorale ci sono, al contrario, le percentuali del candidato del centrodestra, Marco Bucci, che sfonda nel Medio Levante (66,52%) e a Levante (60,92%). Spicca anche il 52,26 del centro Ovest, ex fortino rosso e il 55% della Valbisagno. E anche nel Centro Est sfiora il 55%.

Ma è spulciando quartiere per quartiere che si vede nero su bianco la “voglia di cambiamento”, come ripetuto da più parti. Gianni Crivello vince solo a Voltri (55%), Pra’(ma sempre sul 51,48%), Sestri Ponente (51,88%), San Teodoro (51,22%). Nella sua Valpolcevera, a Certosa, Crivello ottiene 53%, a Rivarolo (57,78%), a Borzoli ha preso il 54,86%. A Pontedecimo si afferma, ma per un soffio (50,61%). A Begato (57,39%).  In centro storico Crivello resiste a Prè (55,91%) e Maddalena (56,42%) dove, c’è da dire, il centrodestra si era speso molto in campagna elettorale. Marco Bucci aveva definito il quartiere di Prè “diamante sepolto” da riportare all’antico splendore, ma non è bastato. Delle roccaforti rosse resta solo Crevari dove il candidato del centrosinistra raggiunge, unico caso, il 60%.

Ma è la sconfitta a segnare il passo. Crivello perde in quartieri storici come Cornigliano, Sampierdarena (43%), Bolzaneto (47,32%), ben sotto il 50%. Seguono altrettanti quartieri popolosi passati al centrodestra: San Fruttuoso, Quezzi, Oregina, Lagaccio, Marassi, Molassana.

La vittoria storica del centrodestra, al contrario, si vede man mano che si procede da ponente a levante, passando per Centro est e Valbisagno. Bucci incoronato sindaco (così come al primo turno) con percentuali oltre il 60% a Carignano, Brignole, Quinto, Nervi. Poco sotto il 60% a Castelletto, San Martino, Borgoratti, Marassi, Fereggiano e Quarto. Ad Albaro il dato più eclatante: Bucci sfonda il 70% (71,77%) e alla Foce sfiora 67,82%.