Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Elezioni Genova, anche Netflix “scende in campo”

"Scegli noi, siamo un buon partito", il messaggio della campagna di marketing della piattaforma di streaming

Più informazioni su

Genova. “Noi sì che siamo un buon partito”. Netflix, la piattaforma di streaming a pagamento di serie tv, film, documentari, entra a gamba tesa nella campagna elettorale genovese con una campagna di marketing creata appositamente per queste ultime ore prima del voto.

Il senso dello spot è quello di mettere a confronto le promesse dei politici, non sempre mantenute, e quelle dell’azienda americana di streaming che, invece, assicura i propri utenti di poter disdire l’abbonamento da un momento all’altro senza costi aggiuntivi e senza complicazioni.

I testimonial della campagna “elettorale” di Netflix alcuni dei personaggi delle serie tv più seguite: Pablo Escobar, il boss di Narcos, Saul Goodman, alias Jimmy Mc Gill, il legale di Better Call Saul e Crazy Eyes, ovvero, Suzanne Warren, una delle detenute di Orange is The New Black, la serie che proprio ieri sera è ripartita con la quinta stagione, e ancora Lacie Pound, la vittima dei social network nella terza serie di Black Mirror.

In realtà anche Netflix ha deluso il proprio “elettorato”: nei giorni scorsi il portale è stato seppellito di critiche e proteste da parte dei seguaci della serie tv Sense8, cancellata dal 1 giugno scatenando petizioni on line e minacce di disdire l’abbonamento.

Reazioni che – per riportare il discorso sulla politica italiana – erano scattate anche nel momento in cui Netflix aveva deciso di trasmettere l’ultimo show di Beppe Grillo. C’era chi aveva poco apprezzato la scelta, considerandola una presa di posizione ma dalla piattaforma avevano spiegato che lo show era come quello di qualsiasi comico.

Un’altra curiosità: il logo di Chiamami Genova, il movimento lanciato da Paolo Putti in vista delle amministrative, è stato da molti accostato alla grafica di Better Call Saul, la serie spin off di Breaking Bad tra le più viste sulla piattaforma internet.

netflix campagna elettorale