Ancora polemiche

Dibattito al Ducale, Crivello: “Centrodestra considera infermiere un insulto”

Genova. “Mi rivolgo a quelle migliaia di colleghi e all’Ordine degli infermieri: sappiate che il centrodestra considera la categoria dei lavoratori infermieristici come offesa, traete voi le conclusioni”. Il giorno dopo il dibattito “infuocato” di Palazzo Ducale per il candidato sindaco del centrosinistra, Gianni Crivello, questa rimane la frase che lo ha forse indignato di più.

“La cosa che mi fa sorridere, al di là del mio ruolo di caposala o infermiere, poco importa, è’ stato sentire gente che gridava più volte infermiere, sottolineandolo con con un atteggiamento negativo, quasi fosse un’offesa”. Crivello, comunque, non vuole proseguire le polemiche anche se forse da Bucci si sarebbe aspettato qualcosa di differente. “Dal mio competitor mi sarei aspettato qualche frase o qualche azione tesa a dissuadere i suoi sostenitori i suoi sostenitori per evitare interruzioni e insulti”.

Intanto oggi a Crivello è arrivato un endorsement importante, quello di Romano Prodi, che ha chiamato il candidato sindaco in vista del voto di domenica 25 giugno per sostenerlo in questi ultimi giorni di campagna elettorale. Il fondatore dell’Ulivo ha auspicato una larga convergenza delle forze progressiste, e ha voluto sottolineare l’importanza di Genova, e di questo voto, per la difesa dei valori del progressismo e del riformismo italiano.

“Genova è stata in ogni secolo una città aperta agli scambi economici e culturali con tutto il Mediterraneo, questa sua vocazione può trovare oggi un nuovo slancio in un quadro di consolidamento dell’Unione Europea, e di incremento dei traffici commerciali con l’Oriente – ha sottolineato Prodi – proprio in quest’ottica penso che Gianni Crivello sia la persona giusta per fare crescere la città”.