Corretto o no?

Crivello e la mail ai dipendenti comunali: nuova polemica in vista del ballottaggio

Bucci: "Uso scorretto di dati di cui era in possesso per fini istituzionali". Crivello: "Legittimo uso mail per convocare un'assemblema, anche centro destra lo ha fatto"

Genova. Una mail inviata dalla posta privata di gmail del candidato sindaco di centro sinistra Gianni Crivello inviata oggi a tutti i dipendenti comunali sulle loro mail di lavoro per proporre un incontro al Cap giovedì pomeriggio “per provare a dare alcune risposte immediate” alle “problematiche e alle aspettative” dei dipendenti comunali. Così scrive Crivello invitando i dipendenti di Tursi a un incontro evidentemente elettorale a tre giorni dal ballotaggio.

L’invio massiccio delle missive però non è passato inosservato ed è arrivato questa sera al candidato di centro destra Marco Bucci che innesca la polemica: “Detto che l’assessore candidato Crivello poteva accorgersi prima, visto che governa da cinque anni e bazzica in Comune da alcune decine, dei dipendenti comunali, dei loro meriti spesso disconosciuti da questa amministrazione e dei bisogni dei cittadini da soddisfare, detto tutto ciò…
Vi pare normale che l’assessore candidato Crivello anziché essersi dimesso prima della campagna elettorale, utilizzi invece una mailing list istituzionale – quella dei dipendenti comunali appunto – acquisita in funzione del suo ruolo istituzionale e non come candidato, per fare propaganda elettorale?” si chiede Bucci.

“A noi sembra istituzionalmente e politicamente scorretto. Riteniamo che sia anche vietato dalle norme in materia di privacy e protezione dei dati personali, ma su questo sarà il Garante a doversi pronunciare. Di certo è la miglior dimostrazione della visione padronale della sinistra che governa da oltre 30 anni questa città, ma il Comune non è cosa loro e i cittadini glielo dimostreranno il 25 giugno”.

Gianni Crivello, che Genova24, impegnato in un faccia a faccia in diretta con il suo avversario in tv, ha detto che l’utilizzo delle mail istituzionali per convocare una riunione è perfettamente legittimo. In attesa di una replica più articolata, la nuova polemica al veleno, in vista del voto di domenica, è servita. “Per quanto ci riguarda – fa sapere Gianni Crivello tramite il suo staff a Genova24 – gli indirizzi mail vengono definiti privati per cui è legittimo poter inviare una mail per comunicare la convocazione di un’assemblea pubblica”. “Per altro nelle settimane scorse – spiega il candidato sindaco di centro sinistra – candidati del centro destra hanno utilizzato lo stesso metodo”.

leggi anche
  • Campagna invasiva
    SMS elettorali: chi li invia, come e perché? Tutta colpa di una crocetta
  • Giallo
    Sospetta truffa dietro l’invio degli SMS per Marco Bucci, lo staff del candidato si dichiara parte lesa