Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il centrosinistra “da’ i numeri” della campagna elettorale. E Crivello “arruola” Monetti per il comitato per la legalità

Genova. “In questa campagna elettorale la totalità delle spese , tra le varie liste e il candidato sindaco è di circa 160mila euro, di questi 60mila sono stati raccolti attraverso una campagna di Fund raising e il resto arriva dalle casse delle forze politiche e dalla raccolta dei candidati”.

Crivello fertile monetti

Il segretario provinciale del Pd, Alessandro Terrile, parte dai dati non ancora definitivi di questa campagna elettorale per spiegare l’importanza del comitato per la legalità, la trasparenza e l’efficienza amministrativa che sarà istituito in caso di vittoria di Gianni Crivello e che sarà presieduto dall’ex procuratore generale presso la Corte d’Appello di Genova, Vito Monetti.

“Un comitato indipendente per la legalità e l’efficenza amministrativa, sull’esempio dell’esperienza del Comune di Milano – spiega – con compiti di accertamento, con la possibilità di fare ispezioni, perché senza trasparenza e legalità – conclude – non c’è efficienza amministrativa”.

A presiedere il comitato sarà l’ex procuratore generale della Corte d’Appello, Vito Monetti, come garante dell’imparzialità. “È’ proprio tenendo conto della mia vita professionale che mi è venuta l’idea di tenere conto di un impegno a dare un contributo alla vita del mio paese. Ora che da pensionato ho più tempo libero ho ritenuto opportuno accettare questo invito”.

In caso di vittoria, quindi, il candidato sindaco, Gianni Crivello ha assunto l’impegno di istituire il comitato prima dell’estate. “Una buona amministrazione non può non pensare alla legalità – ha ricordato – e lo dico in una fase così delicata e complessa, nella quale anche l’astensionismo ha mostrato come la fiducia dei cittadini nelle istituzioni sia un po’ incrinata”.

“Noi avevamo fatto attività in questo senso, dal patto per la legalità alla confisca dei beni per la mafia. La disponibilità di Monetti, inoltre, rientra in una logica per la quale abbiamo deciso di coinvolgere figure di prestigio della nostra città”.