Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Bucci sindaco, rivoluzione in consiglio comunale: en plein della Lega, Pd in minoranza fotogallery

Nove consiglieri della Lega Nord, sei di Vince Genova, cinque di Forza Italia e tre di Fratelli d'Italia. In minoranza Pd, lista Crivello, M5S e Putti

Genova. Con la vittoria di Marco Bucci al ballottaggio, anche il consiglio comunale di Genova vedrà una vera e propria “rivoluzione” al prossimo insediamento.

In Aula Rossa entrano per la prima volta nove consiglieri della Lega Nord (un risultato notevole, rispetto al consigliere unico degli ultimi anni): conferma per Alessio Piana (1175 voti), e nuove entrate per Fabio Ariotti (499), Stefano Garassino (435), l’ex consigliere municipale Centro Ovest, Davide Rossi (362), Lorella Fontana (325), Federico Bertorello (318), Luca Remuzzi (289), Paola Bordilli (280) e l’ex consigliere municipale Medio Ponente, Maurizio Amorfini (269).

Sei i consiglieri di Vince Genova, la lista civica in appoggio al nuovo sindaco: Pietro Piciocchi (commissario straordinario dell’Istituto Brignole e avvocato tra i promotori del No al referendum costituzionale, per lui 1200 voti), Elisa Serafini, per i social “Ludo la ragazza genovese” (799), il ritorno di Matteo Campora, già Forza Italia (496), più Marta Brusoni (432), Stefano Costa (418) e Simone Ferrero (359).

Cinque invece quelli di Forza Italia: conferma per la “pasionaria azzurra” Lilli Lauro (2478 preferenze), che avrà accanto Stefano Anzalone (765), ex Idv, assessore nella giunta Vincenzi, eletto in maggioranza nell’era Doria, poi passato nel gruppo misto, fino al cambio di schieramento in queste elezioni. Con loro, Guido Grillo (573), Mario Mascia (568) – espressione della zona del Biscione, decano del Consiglio Comunale, sarebbe al suo quarto mandato – e Mario Baroni (474).

Altra novità, l’entrata di ben tre consiglieri di Fratelli d’Italia, Stefano Balleari (1465 preferenze) che ha rinunciato alla corsa in prima persona per sostenere Marco Bucci e diventare in prospettiva vicesindaco, Antonio “Sergio” Gambino (301) e Alberto Campanella (223).
Uno infine per Direzione Italia, Franco De Benedictis (457), anche lui ex Idv, prima in maggioranza poi nel gruppo misto e infine passato nella compagine di centrodestra.

In minoranza, insieme a Gianni Crivello, il Pd porta sei consiglieri: Cristina Lodi, signora delle preferenze in casa dem (2011), l’ex presidente di Municipio Ponente Mauro Avvenente (1494), l’ex super assessore e vicesindaco nell’era Doria, Stefano Bernini (1339), il confermato Alberto Pandolfo (1276), Claudio Villa (1120) e il segretario dei democratici genovesi Alessandro Terrile (1094).

In Aula rossa entrano anche tre consiglieri della lista civica Crivello Sindaco: la giovane farmacista Mariajosé Bruccoleri (639), l’ex Lista Doria, Enrico Pignone (480) e l’ex Lista Musso, Pietro Salemi (472).

Sempre in minoranza ci saranno i cinque consiglieri del M5S: oltre al candidato sindaco, Luca Pirondini, Stefano Giordano (430 voti), Fabio Ceraudo (382), Maria Tini (271) e Giuseppe Immordino (212). Anche Paolo Putti, candidato al primo turno con Chiamami Genova, si è aggiudicato un posto in consiglio.

Fuori dall’Aula Rossa lo storico ex presidente del consiglio comunale Giorgio Guerello, l’ex assessore all’ambiente Italo Porcile e l’ex presidente di Municipio Centro Ovest, Franco Marenco, e l’ex del Municipio Medio Ponente Alberto Spatola, oltre alla giovane Marianna Pederzolli.