Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ballottaggio, Crivello a Putti: “Quali progetti sociali avresti portato avanti con Bucci?”

Genova. Sala gremita di candidati, volontari e sostenitori per Gianni Crivello al Cap che ha ringraziato “tutti i candidati, eletti e non. Chi ha battuto con noi ogni metro di questa città. Genova è dei genovesi e non è vendibile a nessuno. Non è il sobborgo di nessuno. E non è stato un lapsus del candidato del centrodestra, è la loro visione di città”.

“Noi siamo davanti a una fase storica – ha proseguito Crivello – . Se qualcuno di noi è convinto che non possiamo farcela, è meglio che faccia ora un passo indietro.
Possiamo recuperare questi dodici mila voti. Ci sono le risorse di ognuno di noi, l’intelligenza, la conoscenza. Il tema del porto, della città, del lavoro, dell’università deve essere cuore pulsante del nostro programma”.

“Il rispetto nei confronti dei genovesi è fondamentale e non mi sembra che lo esprimano il candidato del centro destra e il presidente Toti quando da Liguria Digitale vengono spesi 30 mila euro pubblci per il red carpet a Rapallo. Ma 30 mila non erano i posti di lavoro promessi dal programma del suo candidato?”

“In questa fase i partiti devono fare un passo indietro. E’ fondamentale che i genovesi diano il giudizio sui due candidati, su Bucci e Crivello, sulla loro conoscenza della macchina comunale e del territorio”.

Prima di chiudere Crivello rivolge una domanda a Putti: “Ci conosciamo da molti anni, e ti stimo, per molto tempo con competenza e passione hai fatto l’educatore. Con te abbiamo portato avanti molti progetti quando ero presidente di Municipio. Paolo, pensi che se il presidente della Valpolcevera fosse stato Bucci avresti potuto portare avanti questi progetti negli interessi degli ultimi? Aspetto una risposta da te”.

La campagna per il ballottaggio vedrà impegnato il candidato ancora nel porta a porta, racontano dallo staff. Dopo San Fruttuoso domani si recherà a Castelletto: “L’obiettivo è dialogare con tutti quelli con cui non simo riusciti a parlare prima. Almeno 20 mila genovesi”.