Cosa?

“Averlo è come non averlo…”, l’enigma della Sfinge sui pannelli della viabilità

L'errore (probabile) su un cartello in Lungobisagno d'Istria - messo in circolo dalla pagina facebook Cresciuti Disagiati - ha scatenato l'ironia della rete

Genova. “Averlo è come non averlo”. Chi transitava in Lungo Bisagno d’Istria, in Valbisagno, nel momento in cui è comparso questo messaggio criptico sul pannello a messaggistica variabile del traffico, aveva due possibilità: estraniarsi in una riflessione filosofico-esistenzialista oppure farsi una grassa risata.

La terza opzione era – alla faccia della sicurezza al volante – tirare fuori il telefono cellulare e scattare una fotografia da spammare sui social network, per condividere con la rete l’ironia del momento.

Così è stato. Le battute sul messaggio impazzito si sono moltiplicate in breve tempo. Per la maggiore, su quell’ “averlo è come non averlo” si sono sprecate le allusioni di tipo sessuale, ma c’è anche chi, scherzando, ipotizza che si tratti di un nuovo quiz a premi organizzato dal Comune di Genova.

Il mistero è presto risolto: “Casco slacciato come non averlo”. Questo il classico, e corretto, messaggio che al Coa, il centro operativo della Polizia municipale al Matitone, erano intenzionati a digitare sul pannello. Ma a volte, lo sa bene chi lavora con le tastiere, qualcosa può andare storto.

Ringraziamo la pagina Facebook Cresciuti Disagiati che per prima ha diffuso l’immagine.

Più informazioni