Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Turismo, mense, pulizie: lavoratori in piazza contro precarietà e stipendi “da fame”

Lotta contro contratti a termine o salari che non garantiscono la minima sufficienza economica

Più informazioni su

Genova. Giornata intera di sciopero del personale dei settori del turismo, mense, pulizie multiservizi e terme. In via Roma, bloccata al traffico, si sono radunati in centinaia tra baristi, camerieri, cuochi, operatori del comparto pulizia e sanificazione, attività ausiliarie e facility management, addetti mense, receptionist, impiegati di agenzie di viaggio, lavoratori dei fast food, operatori del comparto termale in attesa del rinnovo del contratto da 4 anni.

Protesta mense, turismo, pulizie

“Oltre un milione e mezzo di lavoratori che da oltre 48 mesi sono in attesa del contratto nazionale di lavoro, e in alcuni casi, come per il comparto termale, anche da sei anni”, spiegano Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs e Uiltrasporti Genova che hanno proclamato lo sciopero organizzando, per la prima volta, i diversi settori accomunati dalla stessa battaglia: “la lotta per ottenere il rinnovo del contratto nazionale di lavoro”.

“#FuoriServizio è lo slogan della protesta per uscire dalla precarietà, dovuta spesso all’applicazione di contratti a termine, o da retribuzioni sempre più basse che non possono garantire la pur minima sufficienza economica, per rivendicare sicurezza sui luoghi di lavoro e maggior serietà e regole nei cambi di appalto”, concludono i sindacati.