Pietra su pietra, il collettivo genovese punta al campionato europeo di "muretti a secco" - Genova 24
Tradizione

Pietra su pietra, il collettivo genovese punta al campionato europeo di “muretti a secco” fotogallery

I "muraglieri del Tigullio" sfideranno altre squadre italiane e straniere nella costruzione di due metri per due metri in cinque ore: "Portiamo la bandiera della cultura rurale degli spazi terrazzati"

muretti a secco collettivo milarepa

Genova. Saranno gli alfieri di Genova e della Liguria ai campionati europei di costruzione di muretti a secco. Sono i ragazzi del kollettivo Milarepa, un gruppo di sei persone che per passione, interesse di studio – e anche un po’ per caso – si è ritrovato a portare avanti una tradizione rurale antichissima.

“Il contest si svolgerà a Terragnolo, in Trentino – racconta Gianluca Longhi, 36 anni, milanese ma residente a Camogli, sociologo e tra i fondatori di Milarepa – a fine giugno, si tratterà di una gara all’interno di un festival dedicato agli spazi terrazzati, la competizione sarà tra 7 squadre, fra cui 3 provenienti dall’estero, dovremo costruire un muro di 2 metri per 2 in un tempo massimo di 5 ore”. Fattibile?

“Fattibile – continua Gianluca – saremo tre persone in squadra, e non dovremo occuparci né di scavare il terreno né di trasportare le pietre, che poi sono gli aspetti più complicati e faticosi”. Ci sarà una giuria qualificata a decidere quale sarà il muro a secco più bello, resistente, ben eseguito e nel minor tempo.

muretti a secco collettivo milarepa

Contest a parte. Il Kollettivo Milarepa, chiamato anche i Muraglieri del Tigullio, è un’associazione che promuove e valorizza i muri a secco in Liguria e mette a disposizione della collettività un centro di competenza e di documentazione sull’argomento. L’associazione è composta da ragazzi che hanno ottenuto il certificato di costruttori di muri a secco ed esperti della manutenzione del verde indetto dalla Regione Liguria.

Oltre a Gianluca Longhi, ne fanno parte Vincenzo Sturla, professionista di giardinaggio e potatura, Andrea Scotti, 58 anni, esperto di digital humanities, Bjorn Giordano, 30 anni, grafico, di Arenzano, e Niccolò Poggesi, architetto. “Il corso della Regione che si svolse tre anni e mezzo fa a Chiavari – raccontano – ci ha permesso di incontrarci e trovare il modo di creare qualcosa di concreto”.

Milarepa ha realizzato diversi lavori, anche complessi, sul territorio. Soprattutto nell’entroterra del Tigullio e del Golfo Paradiso, alle Cinque Terre, nel ponente di Genova e sulle alture del capoluogo. Oltre alla costruzione vera e propria, tra le loro attività c’è quella di progettare i lavori, mettere in relazione le persone con costruttori di muretti a secco professionisti per lavori, consigli, suggerimenti, fare divulgazione sul tema, aiutare nella richiesta di sovvenzioni e finanziamenti per la costruzione di muri in pietra a secco e in particolare offrire un appoggio per la richiesta di fondi tramite i Programmi di Sviluppo Rurale.

muretti a secco collettivo milarepa

Ma non solo. “Organizziamo viaggi di studio per far incontrare alle persone interessate esperti e costruttori di muri a secco in tutto il territorio italiano – continua Gianluca Longhi – e vogliamo al più presto promuovere laboratori e corsi sulla corretta costruzione di muri a secco e su una corretta manutenzione”.