Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Movida, il proprietario del bar delle Vigne al sindaco: “Basta multe, non posso gestire io la sicurezza della strada”

L'incontro durante il tour istituzionale con l'onorevole Fava. L'assessore Fiorini: "Parliamone"

Più informazioni su

Genova. Ha visto il sindaco di Genova in giro per i vicoli insieme al vicepresidente della commissione antimafia Claudio Fava e all’assessore alla Legalità Elena Fiorini e ha colto l’occasione per spiegare al sindaco la situazione che sta vivendo tra multe a suo avviso ingiustificate e i problemi causati non dai suoi avventori ma dai frequentatori serali della zona.

La storia di Rossella Rasulli, alla ricerca delle origini della sua famiglia

“In 37 anni non ho mai ricevuto una multa, ho sempre rispettato la tabella merceologica. I condomini qui sopra fino a poco fa li dovevamo accompagnare a casa noi tanto la zona era a rischio ora che si è un pochino riqualificata prendo continuamente multe”. Franco Morello, proprietario del Bar delle Vigne in vico dei Greci, ha raccontato di aver dato mandato ai suoi legali di contestare le multe: “Non posso essere io ad occuparmi di chi si mette a far baccano qui fuori ma non è mio cliente” dice e mostra i cartelli posti sulla vetrata del piccolo locale, aperto dal 1979, in cui si invitano gli avventori a fare silenzio.

Sindaco e assessore si sono fermati ad ascoltare e in particolare l’assessore Fiorini ha provato a replicare: “Anch’io ho visto le carte e non mi pare ci siano irregolarità nelle sanzioni ma se vuole venga da me e ne parliamo”.

Una discussione civile che dura una decina di minuti anche se le posizioni restano distanti e che dà però la misura di una zona del centro storico che resta difficile tra spaccio, prostituzione e malavita e dove il bar di Franco rimane comunque, con una frequentazione mista, fatta da giovani e da immigrati ma anche da storici abitanti del quartiere, l’unico presidio serale.