Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Marco Bucci si gioca la carta degrado, parte la campagna “arancione” nei 9 municipi

Presentate le tappe di un tour attraverso le situazioni di sporcizia, incuria e abbandono che saranno segnalate anche dai cittadini

Genova. “I giubbotti anti proiettili nel centro storico come dice Salvini?, speriamo non ce ne sia mai bisogno, ma la città è ridotta a un punto di non ritorno”. Marco Bucci presenta la campagna “Stop degrado”, un’iniziativa promossa dai candidati della lista Vince Genova – Bucci sindaco al consiglio comunale e nei consigli municipali.

marco bucci

Obbiettivo: denunciare le situazioni di scarsa manutenzione, incuria, abbandono e degrado presenti in tutti i nove municipi. “Avremo una squadra di attivisti in arancione – spiega il candidato sindaco del centrodestra – che da domani, martedì 30 maggio, fino a domenica 4 giugno, gireranno per Genova con ogni mezzo, a piedi, in auto, in scooter, per ascoltare le problematiche dei cittadini”.

Le tappe. martedì 30, municipio centro ovest, ponente e medio ponente; mercoledì 31 Valpolcevera, 1 giugno centro est, 2 giugno ancora centro storico e centro città, 3 giugno bassa e media Val Bisagno, domenica 4 giugno Medio Levante e levante.

Un modo, per la lista Bucci, per aumentare la presenza tra la gente, in questa campagna elettorale, e per raccogliere istanze da inserire nel programma. “I cittadini che lo vorranno – continua Marco Bucci – potranno segnalarci le situazioni di degrado e sporcizia anche attraverso i social network”.

A margine della presentazione del tour Stop Degrado, da parte del manager, una valutazione su Amiu. “Bisogna tornare a gestirla come un’azienda, migliorarne la situazione economica, anche risolvendo il problema di Scarpino e aumentando i livelli di differenziata, ho ricevuto molte proposte da parte di aziende interessate a collaborare per aiutare Amiu sia per risolvere le problematiche legate al trasporto dei rifiuti fuori Liguria sia per incrementare la differenziata”.