Il Lagaccio spreca e tiene viva la corsa per il terzo posto. Molassana ok nel derby - Genova 24
Serie b femminile

Il Lagaccio spreca e tiene viva la corsa per il terzo posto. Molassana ok nel derbyrisultati

Le verdiblù vanno sul 2-0, ma si fanno rimontare dall'Alessandria. Alle pantere l'ultimo derby della stagione

Varie Sport 2015-2016

Tanto rammarico in casa Amicizia Lagaccio per un risultato comunque positivo nella 20^ giornata di campionato in Serie B contro l’Alessandria, ma che le genovesi avevano indirizzato nettamente a proprio favore, salvo farsi rimontare ben due reti nel secondo tempo. Sul proprio terreno di gioco, le ragazze allenate da Tony Napoli dovevano respingere l’assalto piemontese al terzo posto, che da qualche settimana è occupato, con pieno merito, dalle verdiblù. Missione compiuta a metà perché il pareggio finale, non chiude la porta ai sogni di “podio” delle mandrogne, che in caso di sconfitta sarebbero scivolate a -4 a due turni dalla fine.

Invece arriva un pari che evidenzia come sarà necessario per le genovesi amministrare al meglio energie ed attenzione nel corso dei 180 minuti che condurrano alla fine di una stagione fra le più positive delle liguri. La partita inizia nel segno delle verdiblù con Pesce che al 6° puntuale all’appuntamento con l’assist di bomber Bargi e, in contropiede sigla il vantaggio delle locali. Tre minuti dopo Asteggiano salva in uscita bassa ancora su Pesce, ma al 14° l’estremo difensore piemontese è troppo irruento e atterra Bargi in area. Inevitabile il rigore che la stessa numero 9 trasforma per il 2-0 che pare mettere in cassaforte il risultato.

Le ospiti provano la reazione alla mezzora con un tiro cross di Zella che timbra la traversa. Poi tocca a Bianco sprecare da ottima posizione concludendo alle stelle. Al 39° Toomey non aggancia una bella palla davanti al portiere, e nel finale di tempo ancora Toomey calcia da buona posizione, ma Asteggiano si oppone.

Nella ripresa le liguri scendono in campo molli e poco concentrate, così l’Alessandria rialza la testa e al 51° accorcia le distanze con Zella su calcio di rigore. Passano otto minuti e Stevanin respinge corto una punizione di Bianco, sulla palla arriva rapace Bergaglia che impatta il parziale. Le lagaccine a questo punto si ridestano dal sonno post intervallo, ma sono le alessandrine che, galvanizzate provano con insistenza la via del gol. Soragni all’80° calcia in diagonale senza trovare la porta di Stevanin. Solo nel finale cala il ritmo e le verdiblù hanno due buone occasioni, ma nel primo caso Pesce a tu per tu con Asteggiano si allunga la sfera che diventa facile preda dell’estremo difensore; nella seconda occasione ancora Pesce ha la palla buona per la rete decisiva, ma il suo tiro teso colpisce il palo ed esce.

Scendono in campo anche Ligorna e Molassana Boero con le prime che cercano di restare in scia di Lagaccio ed Alessandria, mentre le pantere rossoazzurre devono rialzare la testa dopo un periodo non semplice dal punto di vista dei risultati. Sul campo del Ligorna le due squadre quindi scendono con tanta voglia e il Molassana inizia all’attacco facendosi vedere dalle parti di Cenname, con un colpo di testa di Belloni di poco alto. Poco dopo tocca a Traverso tentare la via del gol, ma la sua conclusione al volo è imprecisa.

Alla mezzora arriva il gol con Fernandez che calcia dal limite, la traversa le nega il gol, ma sulla ribattuta Crivelli è la prima ad avventarsi sulla sfera per siglare lo 0-1 delle ospiti. Il Ligorna non riesce a reagire e le blaugrana controllano agevolmente il parziale fino all’intervallo.

Al rientro in campo le biancoblù mostrano di avere cambiato atteggiamento e prendono subito il controllo del campo, Bandini rischia il pasticcio su una palla alta che sta per giungere ad un’avversaria, ma proprio in extremis la numero uno si salva.

Dopo lo spavento la partita si riequilibra, il Molassana riesce ad alzare il baricentro, e al 75° trova il gol della tranquillità: De Blasio in corsa vede l’arrivo di Librandi, la serve e la centrocampista trova i tempi giusti per superare Cenname con un bel diagonale. Non cambia più il risultato con il Molassana che riesce a controllare agevolmente fino al termine.