Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Sampdoria Primavera va, con merito, alle “Final Eight”

I ragazzi di Pedone travolgono, nei supplementari, il Torino (4-1)

Bogliasco. Dopo il doveroso minuto di raccoglimento, in ricordo dell’arbitro Stefano Farina, blucerchiati e granata si affrontano, con questi undici, scelti da Francesco Pedone e Federico Coppitelli

Sampdoria: Cavagnaro, Tomic, Tissone, Criscuolo, Pastor, Leverbe, Ejjaki, Tessiore, Balde, Cioce, Gomes Ricciulli.

Torino: Cucchietti, Auriletto, Giraudo, Rivoira, D’Alena, Friedenlieb, Tofanari, Oukhada, De Luca, Piscopo, Bortoletti.

Al 2° Cavagnaro, schierato al posto di Krapikas convocato da Giampaolo come ‘dodicesimo’ della prima squadra, per il match col Napoli, va a togliere le ragnatele dall’incrocio dei pali, deviando in corner, con un volo spettacolare, un bolide Oukhada.

Al 7° fiammata della Samp, che con Tissone colpisce l’incrocio dei pali, con un traversone da sinistra. Poi, sul rimpallo, Gomes Ricciulli è murato con i piedi da Cucchietti.

Al 9° il portoghese, in blucerchiato, si prende la rivincita, superando il portiere granata, con un bel colpo di testa, su perfetto cross di Tomic.

Al 12° ci prova Criscuolo, da lontano, ma la palla si alza, di mezzo metro, sopra la traversa.

Al 16° giallo per Ejjaki, che non frena la sua corsa, franando su Cucchietti.

Al 28° azione da manuale, sulla fascia destra, della Samp… Cioce smarca Gomes Ricciulli, che la mette ‘facile facile’ per Balde, il cui ‘piattone’ destro, però, finisce incredibilmente sul fondo.

Al 32° cambio tattico per il Toro: entra Berardi per Friedenlieb… una punta al posto di un difensore (paraguaiano).

Al 36° pareggio granata: su punizione da trequarti campo, battuta da D’Alena, ponte di Tofanari e Auriletto accompagna la palla in rete, sfiorandola – forse – al di là della riga di porta (1-1).

Al 45° segna Balde, in azione solitaria, ma l’arbitro annulla per off side.

Al 46° D’Alena cerca il goal della domenica, da distanza proibitiva.

Sampdoria in leggera flessione, negli ultimi minuti della prima frazione di gioco… il cambio tattico di mister Coppitelli ha sparigliato le carte ed i granata hanno sfruttato la loro maggior fisicità…

Aspettiamo la contromossa di Ciccio Pedone nella ripresa…

Al 51° pericoloso Gomes Ricciulli, ma la palla si alza di parecchio sopra la traversa.

Al 53° slalom di Criscuolo, messo giù, vicino al limite dell’area di rigore… sulla seguente punizione, la palla sfiora la traversa, su conclusione di Cioce

Al 60° ancora Cioce in cattedra… dopo uno scambio con Balde, il capitano lascia partire un bel tiro, che lambisce, di nuovo, i legni granata.

Al 61° entra Tobaldo per Piscopo e subito arriva un doppio giallo, per lo stesso granata e per Leverbe.

Al 55° Balde viene murato in angolo da Auriletto e sul corner Leverbe costringe Cucchietti a smanacciare la palla, togliendola dall’incrocio… buona Samp… Pedone ha dato la sveglia nello spogliatoio.

Al 63° grande azione di Balde, che libera Ejjaki, solo davanti a Cucchietti, ma il suo cucchiaio finisce sul corpo del portiere.

Al 66° punizione dal limite per il Toro, per un fallo di Cioce… il tiro di D’Alena finisce alto.

Al 69° entra Gabbani per Criscuolo (autore di una buona prova), per aumentare i centimetri in campo.

Al 72° giallo per Rivoira, che ferma con le ‘brutte’ uno scatenato Balde.

Al 75° Berardi libera il sinistro, ma la palla esce sulla sinistra di Cavagnaro.

Partita equilibrata… la maggiore tecnica della Samp, contro la superiore fisicità del Torino… molto bene, nello specifico, Tomic, un prospetto davvero interessante…

All’ 82° pericoloso il Toro, con un colpo di testa di Rivoira, che scavalca la traversa.

All’85° altro goal annullato alla Sampdoria, per un fuorigioco dubbio di Gomes Ricciulli.

All’87° esce Ejjaki (positiva la sua gara, ricca di tanta corsa, ma timido nell’occasione della palla del possibile 2-1) ed entra Curito.

Al 91° chance gigantesca per Curito, bravissimo ad impostare e a concludere, ma un grande Cucchietti gli ‘dice di no’…

Si va ai supplementari… ai punti meriterebbe la Sampdoria, ma nel calcio per vincere bisogna fare goal…

Si riprende con Traoré al posto di De Luca.

All’8°, del primo tempo supplementare, Curito serve una bella palla a Tessiore, ma la conclusione finisce alle stelle.

Al 10° goal fantastico di Gabbani, che – col mancino – bacia il palo interno, alla sinistra di Cucchietti, su assist di Tessiore… cambio ‘indovinato’ da parte di Ciccio Pedone!

Micidiale uno-due della Samp: Cioce ruba palla a centro campo e la serve a Balde, che va via come un fulmine, impallinando Cucchietti con un pallonetto.

Al 14° Cavagnaro compie una grande parata, su tiro – a botta sicura – di Tobaldo e sul corner successivo, Oukhada, di testa, colpisce la traversa.

Al 15° ancora Cavagnaro è decisicvo su Traoré, dimostrandosi portiere di alto livello.

All’inizio del secondo tempo supplementare, entra Oliana per lo stremato Tomic, uno dei migliori in campo.

Subito Curito (ottimo il suo ingresso sul terreno di gioco) impegna Cucchietti, ma il Toro non sembra volersi arrendere… combatterà di certo fino al 120° minuto.

Al 3° Balde sfonda sulla destra e la mette tesa in mezzo, dove un difensore anticipa – di un pelo – l’aggressivo Gomes Ricciulli.

Al 5° rigore netto di Tissone, in scivolata su Traoré…. Ma sale in cattedra Cavagnaro, che ipnotizza Rivoira, bloccando il penalty.

Goal fallito, goal subito…triangolazione Gabbani, Gomes, Tessiore e il ragazzo di Pietra Ligure mette dentro la palla del 4-1, grande Sampdoria… la tecnica vince sulla fisicità, i ragazzi di Pedone vanno, con merito, alle “Final Eight”…