La Normac AVB archivia la stagione con una vittoria e saluta il capitano Francesca Mangiapane - Genova 24
Serie b2

La Normac AVB archivia la stagione con una vittoria e saluta il capitano Francesca Mangiapanerisultati

La maglia numero 4 sarà ritirata

Normac AVB

Genova. È finito nel migliore dei modi il campionato 2016/2017 della Normac AVB Volley Genova, con la netta vittoria sulla Foppapedretti Bergamo per 3 set a 0.

Grande pubblico sugli spalti a Prato per una serata da grandi occasioni. Oltre a tanti sostenitori della società, erano presenti molte ex giocatrici per salutare e ringraziare tutti insieme Francesca Mangiapane, storico capitano della squadra genovese, nel giorno dell’addio all’attività agonistica.

La partita non ha avuto molta storia con le genovesi di coach Mario Barigione sempre avanti; battute efficaci e muri insormontabili hanno messo in seria difficoltà, specie nel primo set, le avversarie. Nella seconda frazione c’è stato maggiore equilibrio, ma alla distanza l’esperienza e la migliore qualità tecnica hanno dato la vittoria alla Normac AVB.

Nel terzo set partenza sprint delle genovesi che poi si rilassano un po’ per riprendere le fila del gioco e chiudere set e incontro in loro favore con i parziali di 25-17, 25-19, 25-18.

A fine partita tutte le giocatrici e i tecnici hanno indossato la maglia bianca numero 4 con la scritta “Grazie capitano”. È stato il momento della commozione e dei ringraziamenti. Roberto Maragliano, vicepresidente della società, ricorda la carriera di Francesca Mangiapane; dal minivolley iniziato a 6 anni per diventare prima capitana dell’Under 14 e poi, via via, fino alla prima squadra. C’è Francesco Dellepiane, il presidente onorario, che si commuove ringraziando Francesca. È poi la volta di Carlo Mangiapane, per il quale i ruoli si mescolano, presidente e padre; l’augurio a tutti è quello di poter essere sempre orgogliosi, come lo è lui, del percorso dei propri figli.

Ha preso poi la parola Francesca. La voce è un po’ rotta dall’emozione: ci sono i ringraziamenti alle compagne di oggi e di ieri, il ricordo di chi non c’è più, il grazie ai primi allenatori, ai genitori che l’hanno sempre sostenuta e lasciata libera di fare le proprie scelte e alle tante altre persone che l’hanno accompagnata nel suo lungo e importante percorso sportivo.

Infine l’annuncio da parte della società che la maglia numero 4 sarà ritirata in onore della carriera della giocatrice.