Indagini in corso

Incendio Casella, nominato perito per stabilire condizioni impianto elettrico

Secondo gli zii del piccolo Giuseppe l'appartamento non era a norma

Casella. Sarà l’ingegnere Gianandrea Gino di Milano a verificare le condizioni dell’impianto elettrico della casa in cui, a seguito di un incendio tra il 21 ed il 22 aprile scorso, ha perso la vita il piccolo Giuseppe Fraietta. Lo ha nominato il pubblico ministero Paola Crispo. Erano stati gli zii del piccolo a denunciare la non conformità dell’impianto elettrico e termico di quella casa.

“I genitori di Giuseppe – avevano sottolineato i parenti – avevano già mandato quattro lettere al proprietario di casa per dire che l’appartamento era inagibile proprio perché gli impianti non erano a norma”. Dal suo canto, il proprietario aveva invece ribadito di avere sistemato tutto e che era tutto in regola.

Giuseppe era stato lanciato dalla finestra dal papà, rimasto gravemente ferito, per salvarlo dalle fiamme che stavano divorando la casa. Anche la madre si era calata dalla finestra, e pur essendo caduta, le sue condizioni non erano gravi. Giuseppe, nel volo, aveva sbattuto la testa ed era arrivato in ospedale in coma dove poi è stata dichiarata la morte cerebrale dopo poche ore. L’inchiesta per incendio colposo è al momento a carico di ignoti.

leggi anche
  • Lutto cittadino
    Incendio a Casella, l’addio commosso al piccolo Giuseppe
  • Domani
    Lutto cittadino a Casella per l’ultimo saluto al piccolo Giuseppe
  • Terminato l'intervento
    Incendio Casella, gli organi del piccolo Giuseppe donati a cinque pazienti. Procura apre inchiesta sul rogo
  • Fumo e fiamme
    Porto, brucia una gru. Intervento dei vigili del fuoco
  • Casella
    Incendio a Casella: ok al dissequestro della palazzina