Ilva, M5S: "Subito commissione straordinaria in Regione" - Genova 24
Dopo l'annuncio

Ilva, M5S: “Subito commissione straordinaria in Regione”

"Toti e l'assessore Rixi facciano pressione sul Governo per fermare questa nuova ondata di esuberi"

Ilva interni impianti

Genova. “Fermare sul nascere ogni procedura di esubero, a tutela delle centinaia di lavoratori di Ilva Genova a rischio. Qualunque trattativa col Governo deve ripartire necessariamente dal rispetto e dal rilancio dell’accordo di programma del 2005, che è e resta il solo e unico documento valido. Un accordo che tutela i lavoratori, garantisce investimenti e mantenimento dell’occupazione. Firmato ormai 12 anni fa, quell’accordo di programma è per larga parte inapplicato”. A dirlo sono Alice Salvatore e Marco De Ferrari, portavoce MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria.

“Già dal 2015, appena entrati in Regione, il MoVimento 5 Stelle ha lavorato per far rispettare questo importantissimo accordo, firmato e sottoscritto da tutte le parti coinvolte (tra cui Governo, Regione Liguria, Comune di Genova e sigle sindacali), attraverso innumerevoli atti in Consiglio e convocazioni di commissioni ordinarie e straordinarie”.

“Oggi, di fronte a questo ennesimo allarme e a un ministro dello Sviluppo economico incapace di dare alcuna garanzia sul rispetto dell’accordo, siamo pronti a chiedere una commissione straordinaria urgente in Regione, durante la quale preparare una risoluzione da presentare e votare martedì prossimo in Consiglio. Toti e l’assessore Rixi facciano pressione sul Governo per fermare questa nuova ondata di esuberi, a tutela e a garanzia di centinaia di lavoratori Ilva a rischio esubero”.

leggi anche
Ilva, Il corteo dei lavoratori
Fumata nera
Ilva, oltre 5 mila esuberi. La Fiom: “Da lunedì i lavoratori di Cornigliano in piazza per difendere il lavoro”
Ilva interni impianti
5 mila esuberi
Ilva, Toti: “Faremo di tutto per salvare stabilimento di Cornigliano”
Ilva corteo 26/01/2016
Protesta in arrivo
Ilva di Cornigliano, lunedì sciopero: “Nessuno dovrà finire nella scatola ‘nera’, a Genova vogliamo lavoro”