Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giovani di Confindustria a Rapallo, Pcl: “Noi ci saremo con un controvertice”

Rapallo. Il prossimo 9-10 giugno a Rapallo, si terrà il 47° Convegno dei Giovani Imprenditori di Confindustria presso l’Excelsior Palace Hotel. Il Convegno vede la partecipazione dei vertici della giovane imprenditoria nazionale, i vertici di Confindustria e i vertici politici e istituzionali nazionali.

Il probabile tema di quest’anno sarà l’Industria 4.0, con particolare attenzione ai temi delle Start-Up. “Quest’anno il convegno si accavalla alla recente elezione del nuovo presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria (Quindi Vice-Presidente di Confindustria) Alessio Rossi, che ha fatto del suo programma la riduzione del cuneo fiscale, la compartecipazione pubblica al rischio d’impresa e sgravi fiscali per le speculazioni.
Forse verranno per vantarsi dei salari dei lavoratori italiani più bassi d’Europa, o forse per raccontarci di come ogni giorno si contano 4 morti sul lavoro? I profitti dei maggiori gruppi industriali, in base ai bilanci approvati ad aprile, sono schizzati alle stelle ma un italiano su tredici non riesce a soddisfare i bisogni essenziali: un’alimentazione adeguata, la disponibilità di una casa, consona alle dimensioni del nucleo famigliare, riscaldata e dotata dei principali servizi, il minimo necessario per vestirsi, comunicare, informarsi, muoversi sul territorio, istruirsi e mantenersi in buona salute. Sono condizioni di cui fanno a meno circa quattro milioni e mezzo di concittadini”. Dice Andrea Carannante, Pcl Rapallo.

“Con loro ci saranno i loro amici politici locali e nazionali che ci racconteranno come tagliare le pensioni, come tagliare il TFR ai giovani o come regalare miliardi di euro alle banche o alle imprese, sottraendoli alle casse dell’INPS. Non faremo mancare la nostra presenza con un controvertice dove i protagonisti saranno i lavoratori i padri di famiglia, gli studenti, i disoccupati e i precari”, termina Carannante.