Quantcast
Politica

Genova 2017, la Uil programma il futuro e incontra i candidati

uil

Genova. Si è svolto questa mattina a Genova un incontro pubblico con i candidati a sindaco della città di Genova organizzato da Uil Liguria. Erano presenti tutti i candidati alle amministrative 2017 (Crivello è stato sostituito all’ultimo minuto da Enrico Pignone per un contrattempo)

La Uil Ligure, dopo numerose assemblee tra iscritti e delegati, ha elaborato una piattaforma programmatica da presentare ai candidati sindaco con l’obiettivo di verificare su quali proposte i candidati saranno disposti ad impegnarsi per il futuro di Genova. Mario Ghini, segretario generale Uil Liguria, ha introdotto i temi principali della piattaforma programmatica presentata ai candidati.

“La pubblica amministrazione, spesso criticata, ha bisogno, secondo noi, di mettersi in discussione e di rinnovarsi ma per fare questo ha bisogno dell’aiuto importante di amministratori forti e decisi al cambiamento sulla base del merito, con obiettivi concreti e su una scelta adeguata e responsabile della classe dirigente per poi poter individuare progetti su cui raggiungere risultati concreti e tempestivi nel breve periodo. E’ dovere inoltre delle amministrazioni locali riuscire ad incidere, attraverso il mandato conferito dalla maggioranza dei cittadini, su temi di interesse collettivo quali: infrastrutture viarie, portuali, ferroviarie, assegnazioni delle aree, elementi la cui gestione e realizzazione è divenuta, dopo decenni di chiacchiere, indispensabile e non più rinviabile”, si legge in una nota.

“Il tema delle società partecipate è quanto mai annoso e complesso e intendiamo condividere le strategie per il salvataggio delle aziende, il loro rilancio e il mantenimento dell’occupazione. In quale modo le amministrazioni locali possono recuperare e promuovere lo sviluppo economico e sociale, sostenendo la competitività delle nostre aziende e favorendo l’occupazione sul territorio? Quali scelte strategiche possono saldare conoscenza e ricchezza ai nostri territori, così da salvaguardare l’occupazione esistente e creare nuove opportunità per chi si affaccia, come i nostri giovani, al mercato del lavoro? Quali misure possono produrre un reale miglioramento nella qualità della vita dei cittadini, aspirando al benessere di una popolazione che, ogni giorno, si sente ostaggio del degrado e della criminalità?”, prosegue la nota.

“La Uil Liguria pone queste considerazioni a fronte di un depauperamento senza precedenti dei nostri territori che si è tradotto in perdita di ricchezza e occupazione e arretramento sul piano sociale, intellettuale e di cultura di governo – ha spiegato Ghini – Siamo convinti della necessità di uno sforzo congiunto tra le amministrazioni e i comparti industriali e commerciali per trasformare una economia fragile e con una popolazione anziana sempre più ampia in una fonte di ricchezza e di sviluppo in grado di risolvere parti delle criticità di un territorio. Intendiamo sapere se i candidati sono disposti a supportare le nostre proposte”.

Da molto tempo la campagna elettorale è entrata nelle nostre case: la Uil ligure si fa interprete delle istanze dei cittadini e dei lavoratori che rappresenta, affinché queste persone possano partecipare ai processi di costruzione dei programmi di cui vogliono e noi ribadiamo devono essere protagonisti.