Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Galleria Mazzini, Toti annuncia: “Pronti per la riqualificazione”

Genova.Dopo anni di abbandono Galleria Mazzini, il salotto “Liberty” della città, potrebbe finalmente essere riqualificato con fondi regionali disponibili già dal prossimo anno. Ad annunciarlo, a margine della conferenza stampa di presentazione del progetto di riqualificazione di Villa Zanelli a Savona, il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, che ha spiegato come una parte degli investimenti del Fondo strategico regionale per il 2018, circa 10 milioni di euro, saranno destinati a interventi infrastrutturali di riqualificazione urbanistica e a sostegno del commercio e del turismo.

“Visto che i fondi della Regione quest’anno sono concentrati su Savona – spiega Toti- è evidente che l’anno prossimo toccherà a Genova e La Spezia, con due importanti progetti analoghi”. Per quanto riguarda il capoluogo ligure, il governatore pensa soprattuto alla riqualificazione dell’offerta commerciale, partendo dal centro per estendersi, poi, sulle delegazioni.

“Su Genova stiamo già ragionando con i Civ e i rappresentanti delle categorie – spiega Toti – perché Galliera Mazzini deve tornare a essere il salotto buono della città, un luogo che i commercianti e tutti i Civ del centro possano utilizzare per tutte le manifestazione che riterranno più opportune in tempo di feste e di saldi”. Ma nel capoluogo ligure si dovrebbe intervenire anche nelle zone interessate dai cantieri per la messa in sicurezza del Bisagno e a quelle commerciali di Sampierdarena e Sestri ponente. Alla Spezia, invece, l’obiettivo è la riqualificazione urbanistica e paesaggistica di piazza del Mercato e delle strade limitrofe. “Questi- conclude Toti- saranno gli indirizzi che il prossimo comitato di gestione del Fondo strategico regionale per il 2018 dovrà prendere e poi dettagliare con le categorie, gli enti interessati e le prossime amministrazioni comunali di Genova e Spezia, a cui daremo una mano”.