Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Chiavari 2017, presentata la lista del Pd a sostegno di Lino Cama

Chiavari. Presentata la lista del Partito Democratico in appoggio al candidato sindaco Lino Cama. Quindici i candidati consiglieri in lizza: tra loro liberi professionisti, studenti, pensionati e operai tra i 20 e i 73 anni. Ecco i nomi: Mauro Ferretti, Claudio Bergonzini, Antonio Bertani, Paolo Borgioli, Maria Antonietta Dentone, Giuseppina Diena, Anna Goffy, Giulia Marseglia, Giulia Nitti, Maurizio Pane, Massimo Pescio, Alberto Ragazzi, Marco Roverano, Anna Maria Sciacca, Manuela Tremolanti.

Lino Cama, candidato sindaco, esprime soddisfazione per il gruppo che si è creato attorno alla sua candidatura: “Con la presentazione della lista del Partito Democratico, oggi iniziamo un cammino. Il traguardo è voltare pagina dall’attuale amministrazione. Il nostro obiettivo è ambizioso, lo sappiamo, ma non siamo qui solo per seguire la sfida tra candidati che rappresentano due facce della stessa medaglia, Di Capua e Levaggi. Vogliamo agire per quello che siamo, e cioè una forza di amministrazione credibile per la città. L’unica forza alternativa e in grado di raggiungere l’obiettivo”.

A guidare la compagine democratica, Mauro Ferretti, insegnante 58enne segretario della federazione cittadina del partito. “La nostra lista parte da un impegno costante nel tempo che mi rende molto orgoglioso e cioè quello di pensare la politica come un lavoro di lettura dello stato delle cose. Un lavoro quotidiano e paziente, volto alla ricerca di soluzioni condivise e di assunzione di responsabilità. Questi elementi vengono dimenticati da tanti amministratori che si affannano a inseguire gli umori e gli interessi locali, per non dire personali. Chi è candidato nella nostra lista, vuole dare continuità a questo progetto condiviso: Chiavari è una città ricca di fermenti, tropo spesso soffocati dalle attuali e passate amministrazioni. La nostra lista vuole coltivare questi fermenti e dare loro la possibilità di esprimersi”.