Casarza, una caccia al tesoro per riscoprire storia e tradizioni - Genova 24
Consiglio comunale dei ragazzi

Casarza, una caccia al tesoro per riscoprire storia e tradizioni

caccia al tesoro casarza

Casarza. Una Caccia al Tesoro per le vie di Casarza. La organizza per il prossimo sabato 13 maggio il Consiglio Comunale dei Ragazzi, nell’ambito del progetto Articolo 29- Stiamo tutti bene, finanziato dalla Compagnia di San Paolo e coordinato dal Pidida Liguria (coordinamento di associazioni liguri che si occupano di diritti dell’infanzia).

L’appuntamento è alle 14.30 in Piazza Unicef per le iscrizioni e la suddivisione dei partecipanti in tre squadre. Dalle 15.30 inizierà la caccia al tesoro con tappe ad indizi per le vie cittadine: i bambini e ragazzi che prenderanno parte al gioco dovranno superare i vari step rispondendo a domande ed indovinelli che riguardano luoghi, storia e persone di Casarza, sottoponendosi a piccole prove di abilità e raccogliendo delle misteriose sillabe (che serviranno poi per un gioco finale tutti insieme).

Alle 17.30 tutti in Piazza Unicef per la premiazione e una simpatica merenda: i ragazzi del Consiglio Comunale offriranno le bibite e le famiglie porteranno torte, biscotti, focaccia.

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi (formato da 16 consiglieri coordinati dal Sindaco, Sara Romeo) ha organizzato questa iniziativa di coinvolgimento della città e riscoperta della sua storia e tradizioni, toccando con un gioco tutti i luoghi significativi di Casarza (il Comune, la Chiesa, la Scuola, la Biblioteca, il Museo Parma Gemma, la Polisportiva). L’evento è stato reso possibile grazie al supporto dato ai ragazzi dal Comune, dall’Anpi (che da sempre coordina il CCR) e dall’Arciragazzi Tigullio. I volontari dell’Anpi e dell’Arciragazzi hanno cercato di trasmettere, attraverso un percorso di educazione civica iniziato già in ottobre, l’importanza della città quale luogo ludico, educativo e di partecipazione. L’articolo 29 della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, al quale si ispira appunto il progetto, illustra il ruolo centrale dell’educazione nella formazione del ragazzo, educazione intesa anche come conoscenza della storia e delle tradizioni della propria comunità.
In caso di pioggia l’evento si svolgerà, in edizione ridotta, nella Sala Consiliare del Comune di Casarza.