Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Blocco dei varchi portuali. E Spinelli, sul quad, si va a informare fotogallery

"Un solo giorno di riposo, non basta a riprendersi. C’è un problema di sicurezza stradale, ecco perché protestiamo”

Genova. Aldo Spinelli, è arrivato al varco di Ponte Etiopia poco prima delle 9, a bordo del quad, il mezzo con cui si muove nei suoi terminal, preoccupato per la situazione in porto, dopo il blocco dei nove varchi che ha paralizzato l’ingresso dei tir nello scalo genovese.

spinelli autotrasporto

Il terminalista genovese ha chiesto informazioni ai sindacalisti che hanno illustrato i motivi della protesta, sottolineando le pesanti ripercussioni su lavoratori e sicurezza.

“Oggi i camionisti, tra una settimana e l’altra, fanno 45 ore di sosta, con la proposta della Commissione Europea, si passerebbe invece a 24 ore per tre settimane consecutive, e solo nell’ultima il ripristino delle 45 ore. Un solo giorno di riposo, che non basta a riprendersi – spiegano i sindacati – C’è un problema di sicurezza stradale, ecco perché protestiamo”.

C’è poi un’altra preoccupazione: sono circa 2 mila i camion che girano sul territorio di Genova tutti i giorni, con una forte occupazione locale. “Con la proposta europea si prevede anche una sorta di “liberalizzazione” di distacchi internazionali – spiega un altro sindacalista – il nostro timore è che i camionisti italiani rimangano a casa, a fronte di nuova occupazione per i paesi dell’Est”.

Al momento è bloccato solo il Terminal Traghetti, mentre gli altri terminal stanno lavorando, ma solo allo sbarco dei container.