Revello e Cervi si impongono nell'Aci Rally Italia Talent - Genova 24
Giovani e vincenti

Revello e Cervi si impongono nell’Aci Rally Italia Talent

Entrambi navigatori, si sono aggiudicati rispettivamente il primo premio assoluto, e quello per gli Under 35. Ora per loro si aprono le porte del grande rally

La Liguria in gran spolvero, è il caso di dirlo, nel mondo del rally. Due genovesi infatti si sono laureati campioni nell’Aci Rally Italia Talent, dedicato alla scoperta di nuovi assi del volante, giovani e non. Sul tracciato del circuito di Siena, Emanuela Revello e Alessandro Cervi, entrambi della Lanterna Corse Rally Team, hanno mostrato di essere fra i migliori navigatori del Paese.

Revello a soli 21 anni e alla prima esperienza nelle gare, si è infatti imposta nella classifica generale insieme all’esordiente savonese Samuele Pirotto di 18 anni, sbaragliando 40 contendenti e aggiudicandosi il primo premio assoluto, ma soprattutto la possibilità di gareggiare nel Rally d’Italia Sardegna, facente parte del circuito del Mondiale.

Grande exploit anche per il 31enne Alessandro Cervi, ingegnere che ha fatto da navigatore al siciliano Federico Puleo, salendo sul gradino più alto del podio nella categoria Under 35. Per loro ora ci sarà la grande soddisfazione di poter partecipare ad alcune gare del Campionato Italiano Rally, con vetture ed assistenza ufficiale Abarth, main sponsor della competizione che ha messo a disposizione 7 vetture, le “595” sulle quali i partecipanti hanno gareggiato.

Grande soddisfazione arriva anche dalla “casa madre” della Lanterna Corse, che ha incoraggiato i propri ragazzi da subito, per un percorso che è stato molto lungo: ben nove le selezioni regionali e una semifinale prima di arrivare all’atto conclusivo del talent.

La finalissima si è svolta nell’arco di tre giornate, con un esaminatore che ha seguito passo passo i concorrenti. Sul giudizio finale ha influito solo per metà la prova a cronometro, con il parere degli esaminatori che ha pesato per la parte restante. I navigatori poi hanno dovuto affrontare anche delle prove teoriche con quiz sulle principali norme regolamentari dei rally e simulazioni degli stessi, sempre con il severo e attento occhio dell’esaminatore al fianco, giudice ultimo della prova.